Manifestazione di sostegno agli scioperanti della Zeba a Basilea

La manifestazione di sostegno agli scioperanti della lavanderia Zeba svoltasi sabato a Basilea ed alla quale ha preso parte anche il presidente del Sindacato edilizia e industria Vasco Pedrina Keystone

Mezzo migliaio di persone hanno preso parte sabato pomeriggio ad una manifestazione di sostegno agli scioperanti della lavanderia Zeba a Basilea. Per porre fine all'agitazione governo cantonale e partner sociali continuano le discussioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 dicembre 2000 - 18:05

Alla manifestazione è intervenuto il presidente del Sindacato edilizia e industria (SEI), Vasco Pedrina, il quale ha detto che in un settore come quello dell'edilizia, che pure è stato confrontato con un conflitto salariale, i lavoratori hanno finito con l'ottenere un aumento di 200 franchi. Val quindi la pena di proseguire questa lotta, ha detto.

Per porre fine allo sciopero presso la Zeba, l'ex lavanderia centrale basilese ora privatizzata, governo e partner sociali hanno deciso, al termine del primo incontro di sabato mattina, di continuare le discussioni durante la fine settimana.

Le parti si sono incontrate alle 8. Il governo, che fa da mediatore tra direzione e sindacati, ha comunicato che sono stati fissati i temi da affrontare durante il week end: obiettivo è la ripresa della piena attività il più rapidamente possibile.

Sabato pomeriggio una delegazione del Consiglio di Stato, i direttori delle finanze Ueli Vischer e dell'economia e sociale Ralph Lewin, si sono incontrati ancora con le parti in conflitto.

Nella fine settimana alla Zeba il lavoro è sospeso. Il governo si aspetta che la tensione possa così diminuire. Le trattative proseguono per convincere i sindacati a non ostacolare l'accesso allo stabilimento lunedì mattina.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo