Con l'UE, siamo d'accordo su un punto: dobbiamo uscire da questo vicolo cieco

ONG, giornalisti e osservatori sono testimoni di questa crisi di solidarietà, frutto di una politica di ostruzione deliberata del diritto d'asilo e di negazione della dignità umana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2020 - 10:00
Christine Jamet, direttrice delle operazioni per la sezione svizzera di Medici senza Frontiere

I recenti incendi scoppiati nelle ultime due settimane sulle isole di Lesbo e Samos sono stati un terribile richiamo alle conseguenze di politiche europee tanto inadeguate dal punto di vista logistico quanto umanamente imperfette. Incapaci di trarre conclusioni da un passato recente, ma molto istruttivo, le autorità greche ed europee hanno continuato ciecamente a criminalizzare i migranti, che si presume siano colpevoli della loro stessa sopravvivenza.

Il paradiso di Lesbo si affaccia sull'inferno di Moria

Attraverso le nostre attività mediche, siamo presenti in campi profughi in tutto il mondo, a volte situati in zone remote quasi inaccessibili agli aiuti umanitari. Tuttavia, possiamo senza dubbio testimoniare che le condizioni di vita in queste isole greche sono tra le peggiori del mondo. Peccato che questi migranti non siano i turisti a cui viene venduto il fascino delle isole greche come irresistibile quando, negli ultimi quattro anni, la paradisiaca cartolina di Lesbo ha lasciato il posto all'inferno di Moria.

Nel 2016, il famigerato accordo UE-Turchia ha istituzionalizzato il ritorno dei rifugiati in Turchia, mantenendo deliberatamente condizioni di vita degradanti e malsane nei punti caldi delle isole greche come Samos e Lesbo, al fine di dissuadere un maggior numero di persone dal cercare rifugio in Europa.

Oggi, insieme all'UE, siamo fondamentalmente d'accordo su una cosa: questa situazione deve finire. L'annuncio di un nuovo patto europeo sulle migrazioni il 23 settembre 2020 è una rara opportunità per farlo. Questo "nuovo inizio" promesso dalla Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen potrebbe essere un'opportunità per cancellare cinque anni di misure sistematiche di contenimento e per guardare avanti verso una soluzione sostenibile e umana.

Come potrebbe essere una nuova politica migratoria?

Per cominciare, l'atto di fondazione di questa nuova partenza richiede un patto di solidarietà globale che si estenda oltre i confini dell'Europa, comprendendo sia i paesi di destinazione che quelli di transito e di origine. In termini concreti, ciò significherebbe seppellire le politiche di "deterrenza" sviluppando canali sicuri e legali per le richieste di asilo.

In secondo luogo, in attesa della concessione dello status, attuare un sistema basato sull'accoglienza e non sulla detenzione. Questo significherebbe vedere i migranti prima di tutto come vittime, mentre oggi sembrano essere visti più come delinquenti o criminali.

Infine, una rinnovata attenzione all'integrazione, dando priorità al sostegno economico e sociale ai migranti, qualunque sia il loro status, per offrire un minimo di prospettive agli esseri umani intrappolati tra un passato distrutto e un futuro sospeso. 

Finché questo non sarà fatto su scala europea e oltre, continueremo a guardare incredulamente mentre gli Aylan si lavano sulle spiagge, gli Oscar e Valeria galleggiano sulle rive, e i Morias vanno in fiamme.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autrice. Non si tratta di una presa di posizione di swissinfo.ch.

End of insertion

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo