La pressione sudamericana fa paura ai contadini svizzeri

Gli allevatori elvetici tremano di fronte alle impressionanti dimensioni dell'industria della carne in Brasile: un altro pianeta rispetto alla minuscola Svizzera. Keystone

Nel settore agricolo svizzero c'è apprensione per il giro di visite che il ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann compie questa settimana in Sudamerica. L'obiettivo degli incontri è un accordo di libero scambio con i paesi del Mercosur (Brasile, Paraguay, Uruguay e Argentina).

Priscilla Imboden, SRF e swissinfo, SRF

"Qui siamo in un altro mondo agricolo."

Christof Dietler

End of insertion

Alcuni sono stupiti dalla mole della produzione agricola in Sudamerica. Altri ne sono spaventati. La visita a una fiera agricola in Brasile ha mostrato alla delegazione elvetica le dimensioni che regnano in quel paese.

La grandezza delle macchine impressiona Christof Dietler, segretario generale dell'organizzazione Alleanza agraria. Ad esempio le macchine per irroratrici e seminatrici larghe 40 metri. Così come lo sconcertano le estensioni dei campi. "Qui siamo in un altro mondo agricolo", commenta il rappresentante dell'agricoltura elvetica.

​​​​​​​Durante il viaggio, Dietler vuole rendersi conto se la piccola agricoltura svizzera è in grado di reggere una simile concorrenza. L'Alleanza agraria s'impegna a favore di un'agricoltura più sostenibile e non ha ancora preso posizione in dettaglio sui piani di libero scambio con i paesi del Mercosur.


L'esistenza dell'agricoltura svizzera è minacciata?

Ha invece preso posizione l'Unione svizzera dei contadini (USC) che giudica poco sensata la missione di Johann Schneider-Ammann. Markus Ritter, presidente dell'USC e deputato nazionale del Partito popolare democratico (PPD), è perciò rimasto in Svizzera in segno di protesta. "Non pretendiamo la tutela come patrimonio nazionale", ha dichiarato al quotidiano Neue Zürucher Zeitung (NZZ), "ma così si mette in discussione l'esistenza dell'agricoltura svizzera. Senza protezione delle frontiere, i contadini non sono più in grado di sopravvivere".

Se sarà concluso un accordo, l'agricoltura si aspetta che l'aumento delle importazioni dal Sudamerica eserciterà una forte pressione sui prezzi di carne bovina, pollame, semi oleosi e zucchero.


Markus Ritter chiede pertanto deroghe per carne, verdura, frutta e altri prodotti sensibili per la Svizzera. Ma di tutto ciò ci si può aspettare l'importazione di carne. Il governo federale prevede che l'auspicato accordo di libero scambio porti in Svizzera 2000 tonnellate di carne bovina supplementari da Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay.

Ciò è problematico anche secondo l'organizzazione non governativa Swissaid. Se fosse raggiunto l'accordo di libero scambio, esso comporterebbe la prospettiva non solo di bistecche più a buon mercato, ma anche di carne spesso proveniente da animali maltrattati, piena di ormoni e antibiotici, scrive Swissaid in una nota diramata giovedì. Inoltre, aggiunge l'organizzazione, l'aumento delle esportazioni di carne alimenta "la speculazione fondiaria che minaccia l'esistenza di famiglie di piccoli contadini".


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo