Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Momento delicato per l'ONU

L'adesione della Svizzera avviene in giorni di tensione per la ricorrenza dell'11 settembre e le minacce di guerra contro l'Irak.

Secondo un sondaggio, il popolo svizzero è decisamente contrario ad un attacco contro Bagdad.

I rappresentanti della Confederazione e dell'ONU hanno rinunciato a particolari festeggiamenti per sottolineare l'adesione della Svizzera all'organizzazione internazionale. La cerimonia ufficiale al Palazzo di vetro è avvenuta infatti un giorno prima delle manifestazioni indette a Nuova York per commemorare la tragedia dell'11 settembre.

Da ora la Svizzera sarà chiamata ad esprimere la sua voce, a prendere posizione e a partecipare alle decisioni delle Nazioni unite. Il dossier più scottante che dovranno probabilmente affrontare nei prossimi tempi i membri dell'ONU sarà quello di un nuovo intervento in Iraq. Il presidente americano e il suo governo sembrano seriamente intenzionati lanciare una nuova spedizione militare contro Bagdad.

In Svizzera c'è chi ha già cominciato a sondare l'opinione pubblica sull'atteggiamento che il nostro Paese dovrebbe prendere in seno all'Onu rispetto alla questione.

Il popolare quotidiano svizzero-tedesco Blick ha intervistato un campione di 1000 persone -un campione, ancora una volta, non totalmente rappresentativo della nazione in quanto manca la Svizzera italiana. L'82,5% delle persone interrogate trova sbagliato un intervento militare degli Usa senza mandato da parte delle Nazioni Unite. Il 58,6% ritiene che tale intervento non dovrebbe avvenire nemmeno con il mandato Onu.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×