Mondiali under 17: la Svizzera vola in finale

Ben Khalifa, sulla destra, e Seferovic, due degli artefici del successo Keystone

Sconfiggendo con un secco 4-0 la Colombia, i pupilli di Dany Ryser si sono qualificati per l'ultimo atto dei mondiali. In finale affronteranno i padroni di casa e campioni del mondo in carica della Nigeria.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2009 - 17:58

L'avventura continua! Dopo aver sconfitto Messico, Giappone e Brasile nel girone preliminare e aver eliminato Germania ed Italia, la nazionale svizzera under 17 si è sbarazzata con una sorprendente facilità anche della Colombia.

Giovedì a Lagos, i ragazzi diretti da Dany Ryser a tratti sembravano voler contendere agli spagnoli il soprannome di "furie rosse". La carica l'ha suonata al 14' minuto il gioiellino del Grasshopper Ben Khalifa, che ha trasformato un rigore concesso per un fallo di mani di Arias (espulso).

Con la Colombia in dieci, le giovani speranze elvetiche sono dilagate, andando in rete al 36' con Seferovic e creandosi numerose occasioni. All'inizio del secondo tempo, il ticinese Martignoni ha definitivamente spento ogni velleità dei colombiani, insaccando al 50' il gol del tre a zero. Gli elvetici, con Rodriguez, hanno poi trafitto ancora una volta Bonilla al 68' e sono andati più volte vicini al cinque a zero.

L'appuntamento è ora fissato per domenica alle 19. In finale, la Svizzera affronterà la Nigeria, che ha superato la Spagna per 3 a 1.

Comunque vada, gli elvetici hanno già scritto la pagina più importante del calcio rossocrociato: mai prima d'ora una selezione nazionale svizzera (giovanile o maggiore) era riuscita a raggiungere un simile risultato. La nazionale maggiore, che in un campionato del mondo non ha mai superato i quarti, vanta quale maggior successo una medaglia d'argento ai Giochi olimpici del... 1924. A livello di selezioni giovanili, invece, la under 17 era riuscita a laurearsi campione d'Europa nel 2002.

swissinfo.ch

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo