Navigation

Cosa ne pensano gli svizzeri all’estero dell’Europa?

I rapporti tra la Svizzera e l’UE figurano da anni al centro dei dibattiti della politica elvetica. Questioni, come la libera circolazione delle persone, interessano da vicino anche moltissimi svizzeri all’estero.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2019 - 14:00
swissinfo.ch

Nell’ambito del progetto #SWIontour, redattori e videogiornalisti di swissinfo.ch hanno visitato quest’estate sei club delle comunità svizzere all'estero in Italia, Francia, Germania, Argentina, Brasile e Stati Uniti. Lo scopo di questo viaggio era di “tastare il polso” dei connazionali espatriati, che guardano da lontano il loro paese di origine. E capire quali sono le loro aspettative nei confronti della politica svizzera in vista delle elezioni federali del prossimo 20 ottobre.

Tra le altre cose, abbiamo organizzato dei dibattiti elettorali presso i club visitati, in modo da discutere con i loro membri delle questioni politiche che stanno loro a cuore. Uno dei temi principali in discussione erano i complessi rapporti tra la Svizzera e l’UE. Oltre tre svizzeri espatriati su quattro vivono nei paesi europei e sono direttamente toccati dalle scelte di politica europea adottate in Svizzera. Questa la loro visione dell’Europa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.