Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Nascono nel cervello i "viaggi fuori dal corpo"

Come in un sogno ad occhi aperti: il paziente vede il proprio corpo dall'alto

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Ginevra ha individuato la regione del cervello responsabile del particolare fenomeno.

Come in un'allucinazione il paziente ha la sensazione di uscire dal proprio corpo e guardarlo dall'alto.

Non solo chi è in pericolo di vita

Il paziente è disteso sul lettino, circondato da medici e infermieri. Ha subito un trauma, ma è cosciente. Tutto a un tratto, avverte una sensazione sconcertante. Ha l'impressione di abbandonare il proprio corpo, sollevarsi a mezz'aria sul lettino e osservare la scena dall'alto.

Esperienze di questo tipo vengono riferite di frequente dalle vittime di uno shock. Alcuni le interpretano come fenomeni "pre-morte": il distacco della coscienza dal corpo alle soglie del trapasso. Spesso, però, i pazienti che raccontano di aver vissuto questa sensazione non erano in pericolo di vita.

Una scoperta casuale

Un gruppo di ricercatori, guidati dal neurologo Olaf Blanke dell'Ospedale Universitario di Ginevra, ha individuato una regione della corteccia cerebrale che produce lo stesso tipo di sensazioni quando viene stimolata in modo anomalo.

La scoperta di Blanke e dei suoi colleghi è avvenuta per caso. I medici stavano esaminando una paziente di 43 anni che da tempo soffriva di gravi crisi epilettiche.

I dottori avevano inserito nel cervello della donna una serie di elettrodi per individuare l'area della corteccia cerebrale da cui partivano gli attacchi. All'improvviso, l'attivazione di un elettrodo applicato nel lobo temporale destro ha provocato una serie di allucinazioni sensoriali.

"Vedo me stessa adagiata sul letto", ha riferito la donna, "ma posso vedere solo la parte inferiore del mio corpo e le gambe." La paziente, come ha raccontato in seguito, aveva l'impressione che braccia e gambe si fossero accorciate e che fossero piegate in modo strano.

La spiegazione

I ricercatori hanno escluso che l'esperienza vissuta dalla donna sia legata al suo disturbo, dal momento che l'area di origine delle crisi epilettiche, individuata in seguito, era distante dalla regione coinvolta nelle allucinazioni.

In una relazione pubblicata sulla rivista Nature, Blanke e i suoi colleghi ipotizzano che il circuito neurale stimolato dall'elettrodo costituisca una sorta di collegamento tra il senso dell'equilibrio, che ha origine nell'orecchio interno, e le sensazioni provenienti dalle diverse parti del corpo.

"È possibile che l'esperienza di dissociazione dal corpo", sostiene Blanke, "sia provocata da una temporanea incapacità da parte di questo circuito di integrare i due flussi di informazioni."

Maria Cristina Valsecchi

In breve

La dissociazione corporea è stata più volte osservata in pazienti traumatizzati. Pratiche mistiche e uso di sostanze stupefacenti possono provocare sensazioni simili. Ma finora non si sapeva con esattezza quale parte del cervello fosse responsabile del viaggio fuori dal corpo. Lo hanno scoperto, per caso, dei ricercatori dell'ospedale universitario di Ginevra.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×