Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Niente folla per la giornata del vaccino

Il vaccino antinfluenzale è consigliato soprattutto alle categorie a rischio

(swissinfo.ch)

I pazienti a rischio si erano fatti vaccinare contro l'influenza stagionale già prima di venerdì, giornata nazionale del vaccino antinfluenzale.

Apparentemente, gli svizzeri hanno compreso che la tradizionale influenza non è imparentata con l'influenza aviaria e che per proteggersi da quest'ultima non serve vaccinarsi contro la prima.

Venerdì si è svolta la tradizionale giornata nazionale di vaccinazione contro l'influenza. Destinatarie dell'iniziativa erano soprattutto le categorie a rischio: gli anziani, le persone con problemi polmonari o cardiaci, i malati cronici e il personale di cura.

Nell'anno dell'allarme influenza aviaria, si temeva un esaurimento delle scorte di vaccini e un ricorso all'offerta della giornata nazionale di vaccinazione anche da parte di persone che hanno poco o nulla da temere da un attacco d'influenza.

Persone a rischio già vaccinate

Stando ai sondaggi realizzati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) alla fine di ottobre, contrariamente ai timori, in Svizzera le scorte di vaccino non erano esaurite. Le autorità ammettono tuttavia differenze regionali nella distribuzione del medicamento.

Di positivo c'è che la maggior parte delle persone a rischio sono già state vaccinate: ciò è una «buona notizia», ha affermato in una conferenza stampa a Berna il direttore dell'UFSP Thomas Zeltner. Il direttore ha anche precisato che l'influenza stagionale non è ancora stata segnalata né in Svizzera né in Europa.

Qualche segno di penuria

Anche se i vaccini non sono forzatamente distribuiti in modo ottimale tra i medici, ve ne sono a sufficienza, perlomeno per il momento, ha sottolineato Zeltner. Secondo informazioni della Radio della Svizzera romanda RSR, ad esempio a Ginevra il vaccino qua e là è esaurito.

A Bienne (BE) i medici non hanno voluto partecipare alla giornata per timore di non disporre di dosi a sufficienza.

Chi delle persone potenzialmente più sensibili alla patologia non aveva ancora provveduto a farsi vaccinare ha potuto farlo in diversi studi medici, senza appuntamento, al prezzo di 25 franchi, rimborsati dalla cassa malattia di base.

Non efficace contro l'influenza aviaria

Sottolineando che il preparato non è efficace contro l'influenza aviaria, l'UFSP ha invitato le persone in buona salute a dare la precedenza a quelle a rischio, facendosi immunizzare più tardi in funzione della disponibilità di vaccini.

Quest'anno le forniture del vaccino sono iniziate più presto del solito ed è possibile che le scorte finiscano più rapidamente rispetto agli altri anni. Ogni anno in Svizzera tra le 100'000 e le 300'000 persone sono contagiate dal virus dell'influenza classica. Tra le 1000 e le 5000 devono ricorrere a un ricovero all'ospedale e 400-1000 muoiono in seguito a delle complicazioni.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

La Svizzera dispone di 1,26 milioni di vaccini, un numero ritenuto sufficiente dall'Ufficio federale della sanità pubblica.
Dalle 100'000 alle 300'000 persone l'anno vengono contagiate dall'influenza in Svizzera.
Dalle 1000 alle 5000 persone vengono ricoverate in ospedale.
Su fisici già debilitati, l'influenza può avere delle conseguenze mortali: ogni anno si registrano tra i 400 e i 1000 decessi.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×