Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Niente medaglia per la Rey-Bellet

La francese Carole Montillet, nuova campionessa olimpica di discesa libera

(Keystone)

La francese Carole Montillet è la nuova campionessa olimpica di specialità. Non lontane le svizzere: quinta Corinne Rey-Bellet, settima Sylviane Berthod.

La possente sciatrice di Grenoble, dopo una parte iniziale con qualche piccola sbavatura, è volata verso il traguardo, interpretando perfettamente la seconda parte di gara. E pensare che il suo miglior risultato in stagione era stato il settimo posto nella discesa di Salbach-Hinterglemm...

Due diplomi svizzeri

Dopo una sessione deludente di allenamenti vi era poco ottimismo: invece Corinne Rey-Bellet e Sylviane Berthod sono andate vicine all'impresa. La trentenne vallesana è finita quinta a 98 centesimi dalla Montillet ma a soli 15 centesimi dalla medaglia di bronzo.
Frenata da alcuni problemi alla schiena, la Rey-Bellet non si è trovata a suo agio sulle veloci curve finali.

Sylviane Berthod dal canto suo può mordersi le dita: era in zona medaglie fino al cinquantesimo secondo di gara ma poi ha mal interpretato i due salti ed è finita settima, staccata di poco più di un secondo.

Aquile austriache spuntate

I bookmakers davano favoritissimo lo squadrone austriaco: alla resa dei conti l'Austria può essere contenta ad aver arraffato il bronzo con l'esperta Goetschl. Male sia la Dorfmeister sia la Obermoser, finite lontane dal podio mentre si è salvata Isolde Kostner. L'italiana, che ha sempre patito le curve ad alta velocità, è riuscita a salvare l'argento olimpico grazie alla sua grande potenza, che le ha permesso di crederci fino allo striscione del traguardo.

"Chissà la mamma a casa..."

Sylviane Berthod era terza dopo 55 secondi di gara ma poi ha abbordato male un salto e ha rischiato il grave incidente. Al traguardo la venticinquenne, che quest'anno si è imposta nella discesa di St. Moritz, è comunque soddisfatta: "Ho perso la medaglia sui salti: davvero strano visto che non ho mai avuto problemi. Peccato anche perché ho rischiato davvero grosso: quando ho capito che non era successo nulla ho pensato a mia mamma davanti alla TV".

Corinne Rey-Bellet è già proiettata su SuperG e gigante: "Ho potuto gareggiare senza quel fastidioso mal di schiena e sono arrivata quinta. Ora bisogna pensare al futuro che per me significa SuperG e gigante, due prove in cui potrei tentare il colpo grosso".

Sembrava potessero esserci le condizioni per una medaglia d'oro svizzera con copione già visto. Proprio come a Sarajevo '84, quando la discesa femminile fu vinta da Michela Figini, anche a Salt Lake City, la gara, inizialmente programmata per lunedì, era stata rinviata per cause meteorologiche.

La Figini però fu fantastica sulle nevi iugoslave mentre Rey-Bellet e Berthod non ci hanno creduto davvero. La medaglia arriverà nelle discipline tecniche? La Svizzera attende prima di calare ...l'asso Sonja Nef.

Filippo Frizzi


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×