Passo falso dei rossocrociati contro la Bielorussia

Ai campionati del mondo di disco su ghiaccio, in Russia, la nazionale elvetica hanno perso per 5 a 3 l’incontro con la Bielorussia. Dopo un inizio alla grande, gli elvetici sono crollati, perdendo la possibilità di risultare vincitori del loro gruppo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2000 - 19:42

Con quattro sconfitte in quattro partite, per gli svizzeri la Bielorussia rimane un vero e proprio spauracchio. Eppure, quando Rüthemann ha gabbato Mezin per il 3 a 0, dopo soli 8 minuti di gioco, si aveva l’impressione che gli uomini di Ralphu Krüger questa volta avrebbero saputo prendere la loro rivincita. Con il sovrappiù del primo posto del loro gruppo, davanti agli americani e agli svedesi.

I punti degli svizzeri, ottenuti da Rüthemann e Fischer, sono forse giunti troppo. E così i rossocrociati, sentendosi oramai al sicuro, si sono rilassati e non hanno più saputo riprendere le redini del gioco. Tanto che hanno addirittura incassato il 4 a 3 in una superiorità numerica. Il che ha permesso ai giocatori della Bielorussia di portare a termine con onore questi campionati .

Con questa sconfitta, Pavoni e compagni non si sentiranno certamente al meglio delle condizioni per proseguire nella competizione. E solo giovedì, quando cominceranno i quarti di finale, si saprà se potranno trarre beneficio dall’arrivo di Michel Riesen, che è stato eliminato dai play-offs dell’AHL insieme all’Hamilton.

Mathias Froidvaux

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo