Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Più donne nella ricerca e nella formazione

La presenza delle donne nel mondo accademico deve essere rafforzata.

(Ufficio federale di statistica)

Per favorire le pari opportunità nel settore universitario e nei posti chiave della gerarchia accademica, occorrono nuove misure e molti più mezzi.

Ne sono convinti gli esperti che recentemente a Berna hanno chiesto alla Confederazione di aumentare le risorse finanziarie disponibili per promuovere la parità.

Certo, passi avanti ne sono stati fatti da quando, nel 2000, la Confederazione ha messo a disposizione degli strumenti per promuovere le pari opportunità fra donne e uomini nelle scuole universitarie svizzere e nella ricerca.

Il bilancio di questi aiuti è tuttavia piuttosto mitigato. La giornata di studio organizzata dalla Segreteria di Stato per l'educazione e la ricerca (SER) e dall'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT), ha evidenziato che i risultati ottenuti finora non sono sufficienti.

A conti fatti ci vuole di più

Fissato nel 2004, l'obiettivo di portare al 14% la proporzione delle donne nel corpo professorale delle università entro il 2006, non sarà infatti raggiunto. La quota femminile è comunque aumentata nel corso degli anni: dal 7% del 1998, al 12% del 2005.

Situazione analoga nelle SUP (Scuole universitarie professionali), dove otto anni fa la percentuale delle professoresse era pari al 15%, mentre attualmente si aggira attorno al 28%. Rimane però bassa la percentuale delle studentesse nei settori tecnici: 5%.

Prendere atto dell'esiguità delle cifre è giusto, ma non può davvero bastare: ci vogliono più soldi e ulteriori misure, indicate in documento che uno speciale gruppo di lavoro ha preparato all'attenzione del Consiglio federale, in vista della decisione sui programmi di aiuti per il periodo 2008-2011.

Obiettivi da raggiungere

"Il programma federale "pari opportunità nelle università e nei politecnici" – afferma Patricia Schulz, direttrice dell'Ufficio federale dell'uguaglianza tra donna e uomo – deve proseguire. E con l'obiettivo di portare al 25%, entro il 2012, la proporzione delle donne nel corpo professorale".

Definita da Charles Kleiber, Segretario di Stato per l'educazione e la ricerca, "una delle donne più battagliere che io conosca", Patricia Schulz ritiene fondamentale incoraggiare il cambio della guardia - al femminile – attraverso, per esempio, programmi di mentoring e di pianificazione della carriera accademica.

Occorre però offrire e garantire misure adatte per abolire la discriminazione orizzontale e promuovere le possibilità di conciliazione tra famiglia e lavoro, o tra famiglia e studio. "Non discriminare – osserva Schulz – non è sufficiente: le pari opportunità bisogna promuoverle, concretamente".

Allora ecco una serie di misure concrete, pensate, meditate, elaborate per la prima volta da un gruppo interdisciplinare: pari opportunità nella ricerca, rivedendo la quota parte degli aiuti accordati alle donne; misure strutturali, con la creazione di strutture competenti in materia di parità.

E ancora: incoraggiamento degli studi di genere e inserimento della dimensione di genere a tutti i livelli delle istituzioni universitarie. Senza naturalmente dimenticare la promozione di un'adeguata politica familiare a sostegno della conciliazione dei ruoli.

Per una Svizzera più competitiva

Davanti ai rappresentanti delle università e delle SUP, Patricia Schulz ha insomma cercato di fare capire che le donne sono un valore aggiunto. "La Svizzera può rispondere alle sfide della globalizzazione – osserva – solo puntando sull'alto livello della ricerca e della formazione".

"Per essere competitiva a livello internazionale – aggiunge Schulz – la Svizzera ha bisogno di tutte le migliori risorse possibili: perché privarsi di una parte di esse, lastricando di ostacoli la strada delle donne?"

Sul valore e il contributo delle donne non ha alcun dubbio Charles Kleiber. "Le disparità nei confronti delle donne – ha affermato inaugurando il convegno – sono umanamente ingiuste, economicamente sciocche, socialmente dannose, accademicamente controproducenti".

L'altra metà del cielo esiste

Affermazioni condivise, che tuttavia faticano a farsi strada nella quotidianità e nelle diverse realtà. Ecco perché proprio dal mondo accademico e della formazione devono partire segnali molto chiari, senza ambiguità.

La Confederazione, che ha per esempio contribuito alla creazione di asilo nido e all'istituzione di servizi per le pari opportunità, è dunque chiamata ad assumere un nuovo atto di responsabilità nel campo dell'uguaglianza, peraltro sancita a chiare lettere dalla Costituzione.

"Non possiamo negare che ci sia stata un'evoluzione positiva. Ma nei posti di potere e di responsabilità – evidenzia Patricia Schulz – il numero di donne continua a rimanere basso. Come se gli uomini producessero altri uomini per sostituirli". E questa eredità del passato deve essere superata.

Perché il ritorno al passato, in materia di parità dei diritti tra donne e uomini, è sempre possibile. Parola di Madame Egalité.

swissinfo, Françoise Gehring, Berna

Fatti e cifre

62,5 milioni di franchi in favore delle pari opportunità: è la somma complessiva chiesta dal Gruppo di lavoro per il periodo 2008-2011
Programmi di pari opportunità: chiesti 22 milioni per le università, 12 milioni per i Politecnici e 12 milioni per le SUP
Incoraggiamento degli studi di genere: chiesti 8 milioni per le università, 2 milioni per le SUP
Per il periodo 2004-2007 erano stati chiesti complessivamente 50 milioni di franchi

Fine della finestrella

In breve

Il gruppo di lavoro "Pari opportunità e studi di genere", è composto dalla Segreteria di Stato per l'educazione e la ricerca, dall'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia e dall'Ufficio federale per l'uguaglianza tra donna e uomo.

Nel corso della giornata di studio sono stati presentati diversi progetti "gender mainstreaming", tra cui anche uno in corso alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.