La qualità dei prodotti in Svizzera è davvero migliore?

© Keystone / Gaetan Bally

Una lettrice ci chiede se i prodotti venduti in Svizzera siano soggetti a requisiti di qualità più severi rispetto a quelli dell'Unione europea.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 gennaio 2020 - 16:45
swissinfo.ch

Gli svizzeri sono conosciuti come persone attente alla qualità. Un luogo comune largamente diffuso vuole poi che in Svizzera tutto sia un po' migliore che altrove. Una lettrice ci chiede dunque se i prodotti venduti in Svizzera siano soggetti a standard di qualità più elevati rispetto a quelli dell'Unione europea.

La risposta? Dipende. Secondo l'Ufficio federale del consumo, non è possibile rispondere in modo generale alla domanda. A dipendenza del prodotto si applicano probabilmente norme più o meno severe.

I prodotti dell'Ue possono essere venduti anche in Svizzera

Su richiesta di swissinfo.ch, l'Ufficio federale per la sicurezza alimentare e di veterinaria ha dato la seguente risposta: "I requisiti di qualità non sono armonizzati in Europa. Ogni paese può stabilire i propri criteri, ad esempio quanto succo di frutta deve essere contenuto in uno sciroppo di frutta".

Tuttavia, il cosiddetto principio Cassis de Dijon impone alla Svizzera di garantire che i prodotti approvati nell'Ue possano essere venduti anche sul mercato elvetico. Non è quindi possibile che i prodotti venduti in Svizzera siano soggetti a requisiti di qualità più elevati.

Gli svizzeri sono gli ultimi a sapere dei richiami

Josianne Walpen della Fondazione per la protezione dei consumatori conosce casi in cui la Svizzera è in ritardo rispetto all'Europa. Contrariamente all'Ue, la Confederazione non ha regolamentato i mangimi per animali nella sua legge sulle derrate alimentari. "Negli ultimi decenni, tuttavia, numerosi e importanti scandali alimentari sono stati causati dai mangimi", sottolinea Josianne Walpen, ricordando gli scandali della diossina, della BSE (mucca pazza) e del nitrofene. 

Anche la sicurezza dei prodotti è carente: "Uno dei principali svantaggi per i consumatori svizzeri è che la Confederazione non è collegata alle banche dati centrali che raccolgono e diffondono rapidamente informazioni sui difetti e sui richiami di prodotti alimentari, cosmetici e beni di consumo. In altre parole, se un prodotto risulta pericoloso, gli svizzeri sono gli ultimi a saperlo.

Migliore protezione degli animali

Per contro, secondo Josianne Walpen, la Svizzera ha una regolamentazione un po' più severa per quanto riguarda l'indicazione della provenienza degli ingredienti nelle derrate alimentari.

Anche nel settore dell'allevamento degli animali, la Svizzera si comporta probabilmente meglio della maggior parte dei Paesi dell'Unione europea, grazie alla sua legislazione dettagliata in materia di protezione degli animali e all'elevata densità di allevamenti biologici. Ad esempio, in Svizzera è vietato l'allevamento in batteria di polli, la produzione di foie gras, il taglio delle cosce di rana o ancora la macellazione senza stordimento degli animali.

Conclusione: non è dimostrato. Per rispondere alla domanda se i prodotti venduti in Svizzera sono soggetti a standard qualitativi più elevati rispetto all'Ue, si dovrebbe valutare singolarmente ogni prodotto. Gli standard di qualità più elevati per la produzione in Svizzera non significano affatto che tutti i prodotti venduti in Svizzera siano di qualità superiore, poiché le importazioni svolgono un ruolo importante.

Perché tutti i paesi lodano la propria carne come la migliore?

Non sono solo i produttori svizzeri o i ristoratori a fare pubblicità con "100% carne svizzera". Anche in altri paesi l'industria della carne fa deliberatamente pubblicità con l'origine domestica della carne. Perché è così?

Per Josianne Walpen della Fondazione per la protezione dei consumatori la spiegazione sta nel fatto che l'allevamento degli animali è una delle principali preoccupazioni di molti consumatori. "Se la carne viene prodotta nel proprio paese, si ha l'impressione che l'allevamento degli animali sia più regolato, controllato e monitorato. Le segnalazioni di crudeltà verso gli animali, gli allevamenti intensivi e le eccessive distanze di trasporto verso i macelli non rassicurano molti consumatori, che preferiscono così la carne indigena, anche se il proprio paese non assicura le migliori condizioni di produzione.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo