Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Democrazia diretta Ritirata iniziativa su educazione sessuale

Il popolo svizzero non voterà sull'educazione sessuale a scuola. I promotori dell'iniziativa popolare denominata "Protezione dalla sessualizzazione nella scuola dell'infanzia e nella scuola elementare" hanno infatti ritirato il testo, affermando di aver raggiunto l'obiettivo prefissato.

In una nota, il comitato precisa di aver conseguito molti risultati positivi e di volersi trasformare in associazione, che vigilerà sulla maniera in cui evolverà l'educazione sessuale a scuola.

Il testo chiedeva di abolire l'educazione sessuale per i bambini di età inferiore ai 9 anni. La scuola materna avrebbe dovuto fornire al massimo un corso destinato alla prevenzione degli abusi, mentre l'educazione sessuale sarebbe stata di competenza esclusiva dei genitori. A partire dai 9 anni, i promotori chiedevano lezioni solo facoltative di educazione sessuale. Corsi obbligatori avrebbero dovuto essere riservati soltanto a ragazzi di 12 anni e più nell'ambito delle lezioni di biologia.

L'iniziativa popolare era stata bocciata dalle due Camere federali: seguendo la raccomandazione del governo, la Camera del popolo l'aveva respinta per 134 voti a 36, mentre la Camera dei Cantoni l'aveva rifiutata con 37 voti a 1.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


swissinfo.ch e tvsvizzera.it (Telegiornale del 14.07.2015)

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×