Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Frontiera sud Sospendere Dublino? "Un grave errore"

Una sospensione dell’accordo di Dublino non farebbe che aggravare la situazione nel canton Ticino, confrontato con un afflusso crescente di richiedenti l’asilo dalla vicina Italia. È la conclusione alla quale è giunta la Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (Camera bassa), al termine di una visita di due giorni a Sud delle Alpi.

Con oltre 100mila migranti sbarcati da inizio anno sulle coste italiane e greche, la pressione si fa sentire anche alla frontiera svizzera. La scorsa settimana sono state registrate 690 richieste d’asilo al posto doganale di Chiasso, che si trova al limite delle sue capacità. “Le autorità hanno la situazione sotto controllo, anche se resta tesa”, ha affermato il presidente della Commissione della politica di sicurezza Thomas Hurter.

Per i deputati, un’eventuale sospensione dell’accordo di Dublino è fuori luogo perché rischierebbe di creare un caos alla frontiera. Alcuni correttivi sono però necessari, a partire da un rafforzamento delle strutture e del personale di accoglienza.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 22.06.2015)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.