Prospettive svizzere in 10 lingue

Dalla scuola ai rifugiati, passando per i diritti politici

frühfranzösisch
Gli allievi delle elementari nel cantone di Lucerna dovranno continuare a studiare due lingue straniere: l'inglese sia il francese. Keystone

Materie scolastiche, diritti popolari, aiuto sociale per i rifugiati ammessi provvisoriamente: sono alcuni dei numerosi temi sottoposti oggi al vaglio dell'elettorato in vari cantoni.

Nel cantone Ticino, l’educazione civica nelle scuole medie diventerà una disciplina obbligatoria a sé stante, con voto distinto sulla pagella. Gli allievi dovranno ricevere almeno due ore mensili di corsi. Con oltre il 63% di sì, i votanti hanno infatti approvato il testo di legge conforme all’iniziativa denominata “Educhiamo i giovani alla cittadinanza”.

Nelle scuole post obbligatorie, l’educazione civica sarà invece integrata alle materie già previste.

Scopo della modifica è di far sì che i giovani sviluppino le loro conoscenze delle istituzioni politiche, come anche dei diritti e dei doveri dei cittadini.

​​​​​​​

Gli oppositori all’insegnamento di due lingue “straniere” alle elementari sono nuovamente stati bocciati all’esame delle urne. L’iniziativa popolare che nel cantone di Lucerna chiedeva di posticipare alle medie l’apprendimento di una delle due è stata respinta oggi con quasi il 58% dei voti.

Un testo simile era già stato rifiutato in votazione popolare nei cantoni di Zurigo, lo scorso maggio, e di Nidvaldo, nel 2015.

L’iniziativa lucernese, lanciata da rappresentanti di diversi partiti, docenti e imprenditori, non specificava quale lingua – francese o inglese – avrebbe dovuto essere posticipata. Il governo cantonale aveva dunque fatto sapere in agosto che se fosse passato il “sì” questa sorte sarebbe toccata all’inglese, che attualmente entra nel programma a partire dalla terza classe. Gli allievi cominciano invece a studiare il francese dal quinto anno.

Lo stesso schema è seguito dalla maggior parte dei cantoni svizzeri tedeschi. L’esecutivo lucernese aveva annunciato che, indipendentemente dall’esito della votazione, la lingua di Molière sarebbe rimasta nel piano di studi delle elementari, in nome della coesione nazionale.

Sia il governo sia il parlamento lucernesi raccomandavano di respingere il testo, temendo un isolamento del cantone in termini di sistema scolastico e competenze linguistiche dal resto della Confederazione in caso di successo dei favorevoli. Questi ultimi, da parte loro, sottolineavano che il piano d’insegnamento delle lingue “straniere” della Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione, adottato nel 2004, si era dimostrato fallimentare, non raggiungendo gli obiettivi prefissati e risultando inefficace, andando inoltre a danneggiare altre materie come il tedesco e la matematica.

Se finora l’esito delle urne ha sempre dato torto agli oppositori, il braccio di ferro non è ancora concluso. Iniziative popolari analoghe sono infatti ancora pendenti nei cantoni dei Grigioni e di Basilea Campagna.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Il plurilinguismo elvetico supera una nuova prova alle urne

Questo contenuto è stato pubblicato al I risultati sono stati netti. Nel cantone di Zurigo, i votanti hanno respinto l’iniziativa popolare “Più qualità – una lingua straniera alla scuola primaria”, con quasi il 61% di no. In quello di Soletta, l’iniziativa “Sì a una buona scuola obbligatoria senza Lehrplan [piano di studio] 21” è stata rifiutata da oltre il 65% dei…

Di più Il plurilinguismo elvetico supera una nuova prova alle urne

Nel cantone di Ginevra in futuro i promotori dovranno raccogliere meno firme per la riuscita di iniziative popolari e referendum. Quasi il 63% dei votanti ha infatti approvato oggi una modifica in tal senso.

La quota di firme necessarie per le iniziative costituzionali scenderà dall’attuale 4% al 3% degli aventi diritto, mentre per le iniziative legislative e i referendum passerà dal 3 al 2%.

La diminuzione interesserà anche i comuni, con quote diverse a seconda del numero di elettori iscritti in catalogo.

La riduzione era sostenuta dai partiti di sinistra, dal Movimento dei cittadini ginevrini e dall’Unione democratica di dentro. In parlamento i fautori hanno argomentato che riunire le firme è diventato più difficile, a causa dell’individualismo e della crescente digitalizzazione della società, nonché dell’elevata proporzione (il 40%) di stranieri residenti a Ginevra che non hanno il diritto di voto.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

“Marea di iniziative popolari” in Svizzera, davvero?

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel numero crescente di iniziative popolari, da un lato c’è chi vede una vitalità della democrazia diretta, dall’altro lato c’è chi vi vede un pericolo di collasso per l’intero sistema politico svizzero. In quest’ultimo campo si schiera il Partito borghese democratico (centro destra) che, tramite una iniziativa parlamentareCollegamento esterno, chiede di “inasprire i requisiti minimi…

Di più “Marea di iniziative popolari” in Svizzera, davvero?

Nel cantone di Zurigo sarà abolito l’aiuto sociale concesso ai rifugiati ammessi provvisoriamente. A favore del taglio si è pronunciato oltre il 67% dei votanti.

Gli zurighesi sono stati chiamati alle urne poiché contro il taglio dell’assistenza sociale per i rifugiati con permesso F, deciso lo scorso aprile da una maggioranza di destra del parlamento cantonale, diversi enti assistenziali e 26 comuni avevano impugnato con successo il referendum.

I fautori del taglio sostengono che questo aiuto non incentiva i diretti interessati a cercare un lavoro. Senza i contributi del Cantone, i Comuni saranno costretti a sopprimere diverse misure d’integrazione, come i corsi di tedesco o le offerte per l’inserimento nel mondo del lavoro. E senza queste misure i rifugiati ammessi provvisoriamente finiranno col dipendere in misura ancor maggiore dallo Stato, hanno sostenuto invece i promotori del referendum, tra i quali figuravano in particolare le Città di Zurigo e Winterthur.

La prestazione – introdotta nel cantone nel 2012 – interessa attualmente circa 5’600 migranti provenienti dell’Eritrea, dell’Afghanistan e dell’Iraq: tutte persone che non hanno ottenuto asilo in Svizzera, ma che possono restare a causa della difficile situazione attuale nei rispettivi Paesi. Il Cantone risparmierà così circa 10 milioni di franchi l’anno.

In seguito al voto zurighese, Basilea Città rimane l’unico Cantone che accorda ai rifugiati con permesso F un aiuto sociale in base alle norme della Conferenza svizzera delle istituzione dell’azione sociale.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Ammissione provvisoria: un “non statuto” che divide il mondo politico

Questo contenuto è stato pubblicato al Mentre l’estate non era ancora alle porte, a inizio giugno il numero di migranti sbarcati sulle coste italiane e greche aveva già superato quota 100mila. Un afflusso mai registrato prima che tocca da vicino anche la Svizzera, tra le principali destinazioni dei richiedenti l’asilo e porta d’accesso verso l’Europa del Nord. Secondo le stime della…

Di più Ammissione provvisoria: un “non statuto” che divide il mondo politico

I più discussi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR