Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Premio del turismo per le Ferrovie svizzere

Tra le sue proposte, la RailAway ha dei viaggi a bordo del mitico Trans Europe Express.

(ffs.ch)

All'agenzia viaggi delle Ferrovie Federali Svizzere è stato conferito il Milestone, il più importante premio assegnato in Svizzera nel settore turistico.

Sono pure state ricompensate le Ferrovie della Jungfrau per gli sforzi di promozione del turismo familiare e la Scuola di management alberghiero di Lucerna.

In una cerimonia svoltasi martedì a Berna, la RailAway, l'agenzia viaggi delle Ferrovie Federali Svizzere (FFS) si è vista attribuire il Milestone, il più importante premio svizzero conferito a operatori turistici e dotato di 10'000 franchi.

RailAway è stata elogiata per le sue attrattive offerte di viaggi, che combinano i biglietti ferroviari con una vasta gamma di attrazioni in Svizzera.

La giuria ha pure osservato che la filiale delle FFS negli ultimi cinque anni è riuscita a raddoppiare il suo giro d'affari.

«RailAway non ha solo riempito i posti vuoti nei treni ma ha offerto servizi degni di nota», ha affermato Jean-Daniel Gerber, direttore del Segretariato di Stato dell'economia, conferendo il premio.

«Grazie ai suoi pacchetti alla portata di tutti, la compagnia ha reso possibili i viaggi a una vasta clientela... e ha creato impieghi e ricadute finanziarie ai quattro angoli del paese», ha sottolineato Jean-Daniel Gerber, aggiungendo che questo risultato è stato inoltre ottenuto promuovendo un sistema di trasporti in sintonia con l'ambiente.

Sci gratuito per bambini

Il secondo premio è andato ex aequo alle Ferrovie della Jungfrau per la loro offerta «I bambini sciano grati il sabato» e alla Scuola di management alberghiero di Lucerna.

Negli ultimi cinque anni vi è stato un calo del cinque per cento del numero di sciatori e le Ferrovie della Jungfrau hanno fatto degli sforzi notevoli per invertire questa tendenza.

La scuola alberghiera, dal canto suo, è stata lodata per il partenariato coronato da successo con la Televisione svizzero tedesca. L'istituto ha permesso ad un'équipe televisiva di entrare nelle sue classi per produrre un documentario in sette puntate.

La serie si è rivelata molto popolare: in media 400'000 persone l'hanno guardata ogni domenica.

Ridorare l'immagine degli alberghi

«Questa serie non è solo fatta bene ma ha ridorato il blasone della nostra industria», ha detto Guglielmo Brentel, presidente di Hotelleriesuisse, l'associazione svizzera degli albergatori.

Negli ultimi anni, infatti, gli alberghi svizzeri sono stati spesso criticati per un supposto pessimo rapporto qualità-prezzo.

«Un vasto pubblico ha potuto conoscere in maniera piacevole il lato umano dell'industria alberghiera, un'industria che va ben al di là della semplice vendita di cibi, bibite o camere».

Un premio speciale di 3'000 franchi è infine stato attribuito ad una coppia che offre dei giri escursionistici in montagna con delle capre per portare i bagagli.

Un'iniziativa – ha osservato la giuria – che dimostra come non sia necessario spendere molto per trasformare un'idea innovativa in qualcosa di redditizio.

swissinfo

Fatti e cifre

Il premio Milestone, attribuito ogni anno, ricompensa gli operatori che hanno innovato e hanno migliorato l'industria turistica svizzera.
È sponsorizzato dall'Associazione svizzera degli albergatori, dal Segretariato di Stato dell'economia e dalla Federazione svizzera del turismo.
Il premio è stato conferito per la prima volta nel 2000.

Fine della finestrella

In breve

Il primo premio di 10'000 franchi è stato assegnato alla RailAway, l'agenzia viaggi delle Ferrovie Federali Svizzere.

Il secondo premio (5'000 franchi) è andato ex aequo alle Ferrovie della Jungfrau e alla Scuola svizzera di management alberghiero di Lucerna.

Un premio speciale che ricompensa iniziativa originali è stato attribuito a una coppia che propone escursioni in montagna con le capre quali portatori di bagagli.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×