Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Processo di UBS in Francia Raoul Weil: "Troppo in alto per sapere"

Raoul Weil

Raoul Weil aveva già dovuto rispondere negli Stati uniti delle pratiche  impiegate da collaboratori di UBS per aiutare clienti americani ad evadere il fisco.

(Michel Euler/AP Photo)

L'ex numero tre della banca svizzera UBS si è difeso mercoledì nel Tribunale di Parigi. Negli anni 2000 sono state commesse delle "violazioni" in Francia? "L'informazione non è giunta fino a me", ha risposto Raoul Weil.

Spazio agli svizzeri. Dopo aver ascoltato i responsabili di UBS Francia, i giudici del Tribunale correzionale di Parigi si interessano ora agli ex quadri e dirigenti di UBS Group SA, accusati di aver cercato di procurarsi clienti illegalmente e di riciclaggio aggravato da frode fiscale.

Il ripensamento di un quadro di UBS Francia

La settimana scorsa, i giudici del Tribunale di Parigi hanno ascoltato degli ex responsabili di UBS Francia. Nel 2012, durante la custodia cautelare, l'ex direttore commerciale, Patrick de Fayet, aveva evocato la "fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio" ('démarchage') effettuata da alcuni incaricati d'affari svizzeri, fonte di tensione con i francesi. Al processo in corso a Parigi, de Fayet non ha ripetuto i suoi rimproveri. "Non avevo sottomano il codice monetario e finanziario per rispondere alla domanda" degli inquirenti, ha detto per spiegare le sue affermazioni dell'epoca. (Fonte: Le Monde)

Fine della finestrella

Il primo è Raoul Weil, numero tre della banca negli anni 2000 e responsabile della gestione patrimoniale. Una sciarpa attorno al collo al momento di affrontare la presidente e una lattina di soda a portata di mano, l'imputato Weil ha già una certa esperienza in materia giudiziaria.

Nel 2013, l'ex grande banchiere svizzero è stato arrestato a Bologna e ha trascorso due mesi in prigione, prima di essere estradato verso gli Stati Uniti. "Sessanta giorni d'inferno", ha raccontato mercoledì in tribunale. In seguito, è stato posto agli arresti domiciliari in Florida, con tanto di braccialetto elettronico, per dieci mesi. "La mia unica soddisfazione? Essere stato assolto dal Tribunale federale di Fort Lauderdale, dopo una deliberazione di un'ora", ha affermato Raoul Weil.

Le accuse formulate nei suoi confronti dalla giustizia francese corrispondono a quelle della giustizia americana: aver attirato dei clienti verso la Svizzera servendosi della "vetrina" di UBS Francia.

Arrabbiato con il suo traduttore

Nella sala del Tribunale di Parigi, il germanofono Raoul Weil ha scelto di parlare in inglese, ciò che è riuscito a fare piuttosto bene in Florida. Sull'arco di tre ore, ha perso la calma soltanto quando si è arrabbiato con un traduttore visibilmente poco abituato all'inglese finanziario. In sostanza, l'ex quadro di UBS ha tentato di convincere i giudici che la logica commerciale degli anni 2000 era assai lontana dall'idea di attirare clienti verso la Svizzera.

All'epoca, ha raccontato Weil, il mercato domestico francese era in forte crescita. Il mercato svizzero internazionale - ovvero i clienti francesi o europei che già possedevano dei conti in Svizzera - era invece in uno stadio di "maturazione". La conseguenza: UBS Francia aveva tutto l'interesse a trovare nuovi clienti, mentre UBS Group SA cercava innanzitutto di mantenere i suoi grossi clienti e di incrementare i loro rendimenti finanziari.

Due logiche diverse quindi. Ma allora, ha chiesto la presidente, Christine Mée, perché negli anni 2004-2008 sono state sviluppate la sinergia e la cooperazione tra le due entità, in occasione di numerosi seminari, spesso presieduti da Raoul Weil? "Queste sinergie concernevano soprattutto la formazione in materia di consulenza ai clienti e di management", ha risposto il laureato all'Università di Basilea. "In realtà - ha proseguito l'imputato - non ci sono state sinergie. Il consulente finanziario è un animale egocentrico, che considera i suoi clienti come una sua proprietà". È quindi immaginabile ricevere dei dossier da un collega, ma mai il contrario.

Troppo in alto per sapere tutto

A questo punto, la presidente del tribunale ha menzionato delle testimonianze più precise, cioè quelle di alcuni quadri di UBS Francia che si erano sorpresi della presenza di "incaricati d'affari" svizzeri che si aggiravano nei pressi della sede parigina della banca. Raoul Weil si è allora rifugiato dietro alla sua posizione gerarchica. Numero tre dell'istituto, aveva sotto di lui 63'000 impiegati in una sessantina di paesi. Queste eventuali violazioni "non sono arrivate fino a me", ha detto. Stessa risposta quando il magistrato gli ha ricordato gli "eventi" organizzati congiuntamente dalle due entità e durante i quali i responsabili marketing condividevano le liste dei clienti invitati.

Un nome ha fatto perdere le staffe a Raoul Weil: Bradley Birkenfeld, l'ex banchiere di UBS che per primo aveva svelato le pratiche di evasione fiscale adottate dalla banca svizzera. "Nel suo libro, si autodefinisce il banchiere di Lucifero. È assolutamente vero. Al mio processo, il procuratore non ha preso il rischio di prenderlo come testimone. È un bugiardo spudorato", ha affermato irritato il gestore patrimoniale.

Il procuratore non ha importunato Raoul Weil. Come se avesse preferito preservare le sue frecce per i quadri di UBS Group SA in contatto più diretto con la Francia, in particolare quelli del dipartimento 'France International'.

Vicenda UBS in Francia: date chiave

2008-2009: dopo essere stati licenziati, dei quadri di UBS Francia sporgono denuncia presso i tribunali del lavoro ('prud'hommes'). Denunciano delle pratiche fraudolente e allertano l'autorità di vigilanza della Banca di Francia.

2012: UBS Francia e UBS Group SA sono incriminate di vendita a domicilio bancaria illecita ('démarchage'). Nel suo libro 'Questi 600 miliardi che mancano alla Francia', il giornalista Antoine Peillon svela le pratiche adottate dalla banca per facilitare l'evasione fiscale in Svizzera.

2013: UBS Group SA, messa sotto accusa per "riciclaggio aggravato da frode fiscale", deve versare una cauzione di 1,1 miliardi di euro.

2014: Stéphane Gibaud, che ha portato alla luce lo scandalo, pubblica 'La donna che ne sapeva davvero troppo' (edizioni Cherche Midi).

2018: l'8 ottobre si apre a Parigi il processo contro UBS.

Fine della finestrella



Traduzione di Luigi Jorio

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.