Riforma della legge sulla parità: un piccolo passo che non sarà sufficiente

Un anno dopo lo sciopero delle donne del 14 giugno 2019 le donne sono tornate di nuovo in strada per chiedere cambiamenti. Keystone / Jean-christophe Bott

La nuova legge sulla parità, che entra in vigore il 1° luglio, eliminerà la discriminazione salariale contro le donne? Le maggiori aziende del paese hanno un anno di tempo per assicurarsi di non pagare i propri dipendenti in modo diverso a seconda del genere. Non sarà sufficiente, afferma un'esperta di diritto del lavoro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 luglio 2020 - 10:50
Katy Romy (testo), Pauline Turuban (grafici)

Trentanove anni dopo che il principio della parità tra donne e uomini è stato iscritto nella Costituzione e 24 anni dopo l'entrata in vigore della legge che lo ha reso effettivo, le disuguaglianze persistono. In Svizzera, secondo l'Ufficio federale per l'uguaglianza tra uomo e donna, nelle buste paga delle donne ci sono in media 1455 franchi al mese in meno di quanto ricevono gli uomini.

Contenuto esterno

Circa il 56% di questa differenza può essere spiegata da fattori oggettivi come la posizione professionale, l'anzianità o il livello di istruzione. Tuttavia, il 44% del divario salariale non è spiegato e rivela una potenziale discriminazione salariale.

A partire dal 1° luglio 2020, un nuovo strumento giuridico permette di rintracciare le discriminazioni. Le aziende con almeno 100 dipendenti sono obbligate ad analizzare nel dettaglio entro giugno 2021 i salari che versano, per garantire che i dipendenti non siano pagati in modo diverso.  Ma se la nuova legislazione crea trasparenza, sono le attitudini che devono ancora cambiare, osserva Christine Sattiva Spring, avvocata specializzata in diritto del lavoro e docente all'Università di Losanna.

swissinfo.ch: La riforma della legge federale sulla parità (LPar) può eliminare le disparità salariali tra donne e uomini?

Christine Sattiva Spring: Probabilmente no. È un piccolo passo verso la parità tra uomo e donna, ma non sarà sufficiente. Tuttavia, la riforma della LPar ha due effetti interessanti. In primo luogo, crea una certa trasparenza. I dipendenti saranno in grado di scoprire quali sono gli stipendi in vigore nella loro azienda. In questo modo il datore di lavoro si renderà conto delle differenze salariali tra i suoi collaboratori, di cui spesso non è cosciente. Alcune persone sono state assunte in tempi difficili, alcune sono state in grado di negoziare meglio di altre. Esistono quindi notevoli differenze tra i dipendenti in generale, che sono ancora più evidenti tra donne e uomini.

+  Critica dei sindacati

In assenza di sanzioni legali, le aziende saranno disposte ad andare avanti con il processo e a correggere le ingiustizie?

È vero che le aziende non sono esposte a sanzioni. Tuttavia, poiché i dipendenti e gli azionisti devono essere informati dei risultati dell'analisi salariale, alcune persone scopriranno che lo stipendio medio nel loro settore lavorativo è molto più alto del proprio. I sindacati potrebbero quindi essere presenti per aiutarli a rinegoziare gli adeguamenti salariali.

Contenuto esterno

Finora, poche donne hanno hanno fatto ricorso alla LPar per denunciare una discriminazione. Perché?

La LParl rimane poco conosciuta. I tribunali stessi ne fanno poco uso. Spesso non sanno esattamente come funziona la legge, compreso il meccanismo di riduzione dell'onere della prova. È sufficiente che la denunciante stabilisca la probabilità di una discriminazione. Spetta poi al datore di lavoro dimostrare formalmente che non vi è alcuna discriminazione. Se questo articolo venisse davvero applicato, sono sicura che le cose sarebbero molto diverse.

Come avvocata, cosa consiglierebbe a una donna che si sente vittima di una discriminazione salariale?

Prima di avviare qualsiasi procedimento, dobbiamo assicurarci di avere un caso solido. L'idea è di non esporre invano la denunciante, che agisce contro il suo datore di lavoro. Spesso le persone vengono da noi quando sono già state licenziate. Tuttavia, la persona che attacca il suo datore di lavoro su questioni di parità può essere stigmatizzata e può avere difficoltà a trovare di nuovo un lavoro.

Inoltre, la procedura nel diritto del lavoro è difficile, perché un datore di lavoro trova sempre qualcosa da rimproverare a una dipendente. Non esiste l'impiegata perfetta o il capo perfetto. Alcune persone potrebbero uscire perdenti da una causa contro il loro datore di lavoro. Quindi, prima di iniziare una causa, mi assicuro che la persona sia in grado di resistere e che sia abbastanza forte e combattiva da andare in tribunale.

Contenuto esterno

Ventiquattro anni dopo la sua entrata in vigore, perché la legge rimane poco conosciuta?

Siamo in un paese dove la libertà del datore di lavoro è importante. Esiste anche una lunga tradizione di disparità di trattamento tra donne e uomini sul posto di lavoro. Inoltre, la legislazione ha spesso cercato di proteggere le donne, ad esempio vietando loro di lavorare di notte. All'inizio del XX secolo, una legge stabiliva ancora che le donne dovevano avere il sabato pomeriggio libero per fare le faccende di casa e la spesa. Ci trasciniamo dietro questo genere di cose abbastanza a lungo. Gli atteggiamenti devono cambiare ed è questo che richiede più tempo.


Contenuto esterno


Condividi questo articolo