Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Rilanciato dal Syna il dibattito sul partenariato sociale

Il nuovo presidente del Sindacato interprofessionale Syna, lo zurighese Max Haas, a sinistra, col presidente uscente Peter Allemann

(Keystone)

Primo congresso nazionale del sindacato interprofessionale Syna sabato a Friborgo ed elezione del nuovo presidente.

I 450 delegati del sindacato interprofessionale Syna hanno rilanciato sabato a Friborgo al primo congresso nazionale, il dibattito sul partenariato sociale e le sue alternative. In discussione su un testo articolato in sei temi legati al mondo del lavoro. Le risoluzioni serviranno da filo conduttore per il lavoro sindacale dei prossimi quattro anni.

Ricambio al vertice

Secondo il presidente del sindacato, Peter Allemann, nelle aziende occorre introdurre la possibilità di co-decisione sotto nuove forme,: «Bisogna portare la questione della partecipazione sulla scena politica. Lo scacco dell'iniziativa sulla partecipazione del 1976 non è definitivo», ha detto.

Il primo congresso nazionale del sindacato interprofessionale Syna, che è il terzo per numero di iscritti, marca anche il passaggio delle consegne al vertice tra il presidente uscente Peter Allemann e lo zurighese Max Haas, 56 anni, finora segretario centrale del Syna.

Terzo sindacato in Svizzera

Fondato nel 1998 in seguito ad un processo di fusioni, il Syna conta più di 67 mila aderenti ed è il terzo in ordine di grandezza dei sindacati elvetici. Nel discorso d'investitura, il neo eletto presidente ha sottolineato la necessità di rafforzare l'efficacia del sindacato. A suo avviso, il Syna deve approfondire le attività tradizionali ed aprirsi a nuovi settori, orientati al futuro. Le sfide sono troppo grandi: i sindacalisti non possono «limitarsi a stipulare contratti collettivi o ad organizzare manifestazioni di protesta», ha osservato.

Haas ha messo l'accento sia sulla motivazione dei salariati sia su quella dei datori di lavoro. Occorrono nuovamente capi capaci di agire nell'interesse dell'azienda e dell'economia in generale, ha affermato il neo presidente, stigmatizzando l'operato di quei manager che pensano solo al profitto personale e degli azionisti.

Co decisione rivendicata

I delegati hanno discusso un testo articolato in sei temi legati al mondo del lavoro. Al termine di un animato dibattito hanno adottato risoluzioni che serviranno da filo conduttore per il lavoro sindacale del prossimo quadriennio. L'assemblea del Syna ha in particolare rilanciato la questione della co decisione che, secondo il presidente uscente Peter Allemann, va rivendicata, introducendola nelle imprese sotto nuove forme, come ad esempio con delle stock option.

Un delegato ha proposto di stilare una lista delle società che già praticano la codecisione, così da premettere una certa emulazione fra le aziende e offrire maggiore trasparenza. I congressisti hanno lanciato l'allarme sul lavoro nero. La piazza economica e il mondo del lavoro svizzeri devono essere protetti contro la destabilizzazione che provoca il dumping sociale e salariale, hanno ribadito i delegati del sindacato interprofessionale Syna.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza