Rivoluzione ai vertici di Credit Suisse First Boston

Dimissioni immediate per Allen D. Wheat, fino ad oggi presidente del Cda di CSFB Keystone

Cambiamenti ai vertici e riorganizzazione per il Credit Suisse First Boston (CSFB), una divisione del CS Group. La grande banca elvetica ha infatti nominato John Mack, ex presidente della Morgan Stanley Dean Witter, a capo del CSFB. Sostituisce Allen Wheat, che si è dimesso con effetto immediato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2001 - 10:07

Nel comunicato diramato giovedì il CS Group non precisa i motivi della partenza di Wheat. Il gruppo bancario ha anche fatto sapere che dal primo gennaio 2002 i comparti CSFB e Credit Suisse Asset Management saranno riuniti sotto la direzione di John Mack. Il nuovo CSFB si concentrerà nell'attività di intermediario finanziario per le imprese globali, le istituzioni e gli enti pubblici. Fornirà inoltre servizi agli investitori istituzionali e alle casse pensioni.

Inoltre il CS Group raggruppa anche i comparti Private Banking e Financial Services. La nuova unità sarà diretta da Thomas Wellauer,
attualmente responsabile della divisione Credit Suisse Financial Services. Oswald Grübel, finora direttore del Credit Suisse Private Banking, ha rassegnato le dimissioni per fine anno, indica la nota.

Il Credit Suisse Financial Services (CSFS), che si occuperà della clientela privata e delle imprese, comprenderà anche il gruppo assicurativo Winterthur.

Così dall'inizio del 2002 invece delle attuali quattro divisioni, il CS Group ne avrà solo due: CSFB e Credit Suisse Financial Services (CSFS). La prima unità avrà in organico 30 500 persone, la seconda quasi 50 000.

La nuova organizzazione permette al gruppo di sfruttare meglio le sinergie, ha rilevato Regula Arrigoni, portavoce del CS Group. La decisione non comporta riduzioni dell'organico, ha aggiunto.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo