Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lo scioglimento dei ghiacciai prosegue

I ghiacciai continuano a fondersi in tutto il mondo a una velocità inquietante. Secondo il «World Glacier Monitoring Service (WGMS)», che ha sede all'università di Zurigo, nel 2007 lo spessore dei ghiacci è diminuito in media di 74 centimetri.

Alcuni ghiacciai alpini hanno perso fino a 2,5 metri di spessore. Le ultime cifre relative a oltre 80 ghiacciai confermano la tendenza alla fusione constatata da circa 30 anni.

In questo arco di tempo, i ghiacciai monitorati sul lungo periodo – 30 ghiacciai in nove regioni montagnose del mondo – hanno perso circa 12 metri di ghiaccio. Tra il 1980 e il 1999, la diminuzione dello spessore di ghiaccio è stata di 30 cm l'anno in media. Dopo il 2000, il valore medio è passato a 70 cm.

Secondo Michael Zemp, glaciologo e collaboratore del WGMS, la perdita di ghiaccio nel 2007 è stata un po' meno drammatica rispetto al 2006, ma con forti differenze regionali. Se nelle Alpi i ghiacciai si sono contratti più della media, alcuni ghiacciai in Scandinavia sono persino cresciuti.

Il 2007 è stato tuttavia il sesto anno del nuovo secolo in cui nei ghiacciai monitorati sul lungo periodo la perdita di spessore ha superato il metro.


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×