Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Paleoantropologia Un cranio potrebbe far riscrivere i libri di storia



Il cranio più completo di un Homo erectus 1,8 milioni di anni fa, trovato a Dmanisi, in Georgia, rivoluzionerà forse le teorie sull'evoluzione dell'essere umano

Il cranio più completo di un Homo erectus 1,8 milioni di anni fa, trovato a Dmanisi, in Georgia, rivoluzionerà forse le teorie sull'evoluzione dell'essere umano

I primi esseri umani vissuti 1,8 milioni anni fa finora classificati in diverse categorie di Homo, in realtà sarebbero appartenuti tutti alla stessa specie. È quanto suppongono ricercatori svizzeri e georgiani.

Gli scienziati sono consapevoli che potrebbero far riscrivere i libri di storia, eliminando intere specie dall'albero genealogico dell'umanità. "Ci siamo sentiti come il bambino nella favola a proposito dei vestiti nuovi del re", racconta a swissinfo.ch Christoph Zollikofer, del Museo e Istituto di antropologia di Zurigo.

La chiave di tutto è un cranio trovato nel corso di scavi a Dmanisi, nel sud della Georgia, secondo gli scienziati. Portato alla luce nel 2005 e abbinato con una mandibola scoperta cinque anni prima, costituisce il teschio più completo di Homo erectus adulto trovato fino ad oggi.

Lo "Skull 5" (Cranio 5), come è stato denominato, ha una piccola scatola cranica, una faccia lunga e grandi denti. "La cosa interessante è che non è l'unico. In precedenza avevamo trovato i resti di altri quattro individui. Ciò ci ha permesso di osservare in uno stesso luogo i cambiamenti nel tempo e nello spazio", spiega Zollikofer, che è coautore di un articolo in cui sono rivelati i risultati della ricerca, pubblicato il 17 ottobre 2013 sulla rivista Science.

L'ipotesi di lavoro dei ricercatori era che i fossili appartenessero a una sola popolazione, benché sembrassero molto diversi l'uno dall'altro.

"Abbiamo trovato che [...] non mostrano alcuna differenza di aspetto che non si riscontrerebbe se si scegliessero cinque esseri umani di qualsiasi popolazione", aggiunge Zollikofer. "Dopo aver dimostrato questo, siamo convinti che i cinque individui rappresentano variazioni all'interno di un'unica specie, il primo tipo di Homo".

Dmanisi

Il sito archeologico di Dmanisi è a due ore di auto a sudovest della capitale georgiana, Tbilisi, sotto le rovine della città medievale di Dmanisi. Esso detiene il record dei più antichi resti di ominidi ritrovati al di fuori dell'Africa.

La prima menzione della località  risale al IX secolo, anche se si ritiene che i primi insediamenti risalgano alla prima età del bronzo. Durante il Medioevo , fu un importante centro commerciale nella regione.

I primi lavori archeologici sono stati effettuati negli anni '30 , quando la Georgia faceva parte dell'Unione Sovietica. Utensili primitivi di pietra furono tuttavia scoperti solo nel 1984, suscitando ulteriore interesse per il sito. Dopo il 1991, ricercatori internazionali si sono uniti ai colleghi georgiani a Dmanisi .

Fossili umani sono stati scoperti nel sito tra il 1991 ed il 2005. Alcuni sono stati datati a 1,8 milioni di anni. Essi rappresentano la più antica testimonianza della presenza umana nel Caucaso.

Secondo David Lordkipanidze del Museo nazionale della Georgia, lo stato di conservazione dei fossili rinvenuti nel sito è eccezionale. Ciò permette lo studio di aspetti inediti dello scheletro di ominidi fossili. A causa della natura vulcanica dei sedimenti di Dmanisi, il sito è datato a 1,77 milioni di anni fa.

Fine della finestrella

Una specie

Di solito, i paleoantropologi usano le variazioni tra i fossili di Homo per definire diverse specie. Ma le ultime ricerche di Zollikofer e dei suoi colleghi indicano che resti di Homo di quel periodo provenienti da altri siti fanno parte della famiglia dell'Homo erectus .

"Abbiamo fatto riferimento a reperti contemporanei trovati in Africa, dove c'è una grande varietà di fossili di circa 1,8 milioni di anni fa", spiega il ricercatore a swissinfo.ch. "La quantità di variazioni e differenze che abbiamo riscontrato non erano diverse da quelle considerate normali variazioni all'interno di una specie".

I risultati sono stati prodotti utilizzando la cosiddetta morfometria geometrica tridimensionale. Zollikofer e i suoi colleghi in seguito hanno analizzato i dati per quantificare le variazioni. La loro conclusione è che, per esempio, l'Homo habilis, l'Homo rudolfensis e l'Homo erectus, fino ad ora classificati in tre diverse specie, potrebbero effettivamente essere tutti della stessa specie.

Secondo Zollikofer, l'intera ipotesi non avrebbe potuto essere sostenuta se la scatola cranica e la mandibola di Skull 5 fossero state trovate separatamente, in luoghi diversi. Ciò avrebbe probabilmente portato i ricercatori a considerarle come appartenenti a specie diverse.

Il cranio completo ha caratteristiche chiave non osservate fino ad oggi, come il suo piccolo spazio per il cervello e la grande mascella. "Ci siamo detti che non c'era probabilmente molto altro al di fuori di questa, solo una specie", aggiunge.

"Questo non significa che pensiamo che ci sia un'unica specie lungo l'intera linea di evoluzione umana. Noi stiamo facendo le ricerche solo in un determinato momento: 1,8 milioni di anni fa".

Ancora tanto da scavare

Il professore di Zurigo dice di non avere alcun timore a portare avanti un cambiamento. A suo avviso, i dati parlano da soli. Tuttavia non si fa illusioni: ci sarà chi metterà in dubbio i risultati.

"Questo è ciò che si vive con la scienza", ammette. "Questo può accadere anche a noi, probabilmente tra molti anni se ci saranno nuove scoperte. Non dovremmo vincolare troppo la nostra posizione scientifica a ipotesi specifiche".

Probabilmente salterà fuori qualcosa che modificherà la percezione degli scienziati. Secondo David Lordkipanidze, del Museo nazionale della Georgia, a Dmanisi ci sono ancora altri 50mila metri quadrati di terreno contenenti fossili e utensili di pietra da scavare, l'equivalente di sette campi da calcio.


(Traduzione dall'inglese: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×