Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Scoperti i meccanismi del "brivido del rischio"

La passione per il gioco può diventare una droga

(Keystone Archive)

Che cosa spinge gli amanti del gioco d'azzardo a rischiare una fortuna al tavolo verde? Raramente la loro motivazione è la speranza di fare il "colpo grosso".

Una ricerca condotta da neurobiologi dell'Università di Friburgo, aiuta a comprendere la psicologia dei giocatori d'azzardo.

La maggior parte dei frequentatori dei casinò è appassionata del gioco fine a sè stesso. La molla del loro comportamento, spesso irrazionale e dannoso, è il brivido del rischio.

Ora un gruppo di ricercatori dell'Università di Friburgo ha scoperto il meccanismo neurochimico responsabile del brivido del rischio. Alcune cellule del cervello umano, spiegano Wolfram Schultz, Christopher Fiorillo e Philippe Tobler sulle pagine della rivista Science, si attivano quando la prospettiva di un guadagno è incerta.

Producono dopamina, una sostanza che determina una sensazione di eccitazione e benessere. Quanto più è incerta la prospettiva di ottenere il guadagno desiderato, tanta più dopamina viene rilasciata nel cervello.

Uno stimolo naturale

La dopamina è un neurotrasmettitore, cioè una molecola usata dalle cellule cerebrali per comunicare tra loro. La produce un gruppo di neuroni specializzati, che si attivano quando svolgiamo funzioni essenziali per la nostra sopravvivenza come individui e come specie: quando mangiamo, quando proviamo attrazione sessuale, quando lottiamo.

La dopamina è uno stimolo chimico naturale che ha la funzione di spingerci a portare a termine queste funzioni superando eventuali ostacoli o timori. La sostanza, infatti, stimola l'attenzione, l'apprendimento e l'attività motoria, attenua il dolore e instaura uno stato di eccitazione.

La maggior parte dei farmaci e delle droghe che producono fenomeni di dipendenza agiscono proprio sui meccanismi di rilascio della dopamina.

Scimmie ammaestrate

Per studiare il nesso tra il brivido del rischio e il rilascio di dopamina, Schultz e i suoi colleghi si sono serviti di due scimmie. Se dai una goccia di sciroppo a una scimmia che non se l'aspetta, il suo cervello produrrà improvvisamente una certa quantità di dopamina.

Se la abitui a ricevere una goccia di sciroppo dopo avere ascoltato un determinato segnale sonoro, la produzione di dopamina si attiverà nel momento in cui la scimmia avverte il segnale.

I ricercatori svizzeri hanno introdotto nell'esperimento un elemento di incertezza: a volte hanno dato alle scimmie lo sciroppo dopo il segnale sonoro, a volte no.

Hanno osservato così che la produzione di dopamina è maggiore quanto più è incerta per l'animale la prospettiva di ottenere lo sciroppo. "Il meccanismo che abbiamo osservato", commenta Schultz, "è vantaggioso per gli animali che vivono in libertà, perché acuisce la loro capacità di attenzione nelle situazioni di incertezza, ma non è di alcuna utilità per chi frequenta i casinò, perché nel gioco d'azzardo la capacità di attenzione non influenza la probabilità di vittoria."

La dipendenza dal gioco

Gli psicologi che studiano il comportamento dei giocatori d'azzardo hanno identificato due fattori che spingono queste persone a rischiare sul tavolo verde.

Il primo fattore è l'errata convinzione che dopo un certo numero di sconfitte aumenti la probabilità di vincere. "In realtà, ogni giocata è indipendente dalla precedente dal punto di vista probabilistico", spiega Peter Shizgal, del Centro Studi di Neurobiologia Comportamentale della Concordia University di Montréal, "e quindi la probabilità di vincere non aumenta col numero di giocate."

Il secondo fattore che spinge queste persone a rischiare è una dipendenza di tipo emotivo. "La scoperta dei tre ricercatori svizzeri", commenta Shizgal, "ci aiuterà a comprendere meglio i meccanismi di questo fenomeno di dipendenza."

swissinfo, Maria Cristina Valsecchi

Fatti e cifre

Scoperto il meccanismo neurochimico dei giocatori d'azzardo
Alcune cellule del cervello umano si attivano e producono dopamina
La dopamina è un neurotrasmettitore, cioè una molecola usata dalle cellule cerebrali per comunicare tra di loro

Fine della finestrella

In breve

La passione patologica per il gioco d'azzardo, quella che spinge una persona a perdere tutto quello che possiede senza riuscire ad allontanarsi dal tavolo verde, fa parte di una categoria di malattie che gli psicologi chiamano "disturbi di controllo degli impulsi".

Rientrano in questa categoria anche l'alcolismo, la bulimia o la cleptomania.

Chi ne soffre non può fare a meno di comportarsi in un determinato modo, anche se si rende conto che il suo comportamento è dannoso per sé o per gli altri.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×