Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ancora neve sulla Svizzera

L'inverno 2008-2009 non sarà sicuramente ricordato per la scarsità delle precipitazioni. Nella notte su lunedì gran parte della Svizzera è stata nuovamente ricoperta di bianco. Molta la neve caduta in Ticino.

Le nevicate sono state particolarmente abbondanti a sud delle Alpi e nelle valli dei Grigioni. Nelle regioni settentrionali del Ticino sono caduti tra i 15 e i 20 centimetri di neve, indica MeteoSvizzera, mentre nel sud del cantone e nei Grigioni la coltre di neve fresca è oscillata tra i 5 e i 15 centimetri.

Le precipitazioni, che dovrebbero intensificarsi nel corso della giornata, hanno causato disagi al traffico. Le autostrade A2 e A13 sono state coperte da un sottile strato di neve; problemi anche sulla strada del San Bernardino, dove un tratto è stato chiuso ai mezzi pesanti.

Le Alpi e le valli propizie al favonio sono state spazzate da una tempesta. Sul Lauberhorn, nell'Oberland bernese, sono state registrate raffiche di 152 km/h. Alle Diablerets (Vaud), sulla Jungfraujoch (Berna) e in cima al Titlis (Obvaldo) i venti hanno soffiato a oltre 100 km/h, ciò che ha comportato la chiusura di numerosi impianti di risalita.

La neve è caduta anche in molte regioni europee. Il traffico stradale e aereo è stato fortemente perturbato in Gran Bretagna (10 cm di neve a Londra), in Francia, in Spagna e nel Nord Italia.

La compagnia aerea Swiss ha dovuto sopprimere oltre 50 voli.


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×