Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il pensionamento si porta via l'autostima

L'autostima cresce nel corso della vita. Al momento del pensionamento questo sentimento perde però rapidamente d'intensità, rileva uno studio condotto dall'Università di Basilea e da ricercatori nordamericani.

Gli psicologi hanno utilizzato i dati di uno studio americano, durante il quale sono state interrogate 3'617 persone (tra i 25 e i 104 anni) sull'arco di 16 anni.

Secondo le conclusioni di Ulrich Orth dell'Università di Basilea e dei colleghi citati nel Journal of personality and social psychology, l'autostima è al livello più basso nei giovani adulti. Cresce poi progressivamente, fino a raggiungere un massimo verso i 60 anni, prima di ridursi rapidamente.

Nella maggior parte delle classi d'età, le donne hanno meno fiducia in sé stesse rispetto agli uomini, constata lo studio. Ad influenzare questo sentimento non è solo l'avanzare dell'età, ma pure il livello di formazione, il reddito, la salute e la posizione professionale.

«Le persone con un reddito elevato e una buona salute mantengono una migliore autostima quando invecchiano», rileva Orth.

Anche le persone felici all'interno della coppia godono di una maggiore autostima. Come gli altri, precisano i ricercatori, possono tuttavia perdere la fiducia in loro stessi al momento del pensionamento.

Per gli autori dello studio, questo crollo può essere dovuto a diversi motivi. Nel corso della loro vita, la maggior parte delle persone costruisce una famiglia e ottiene posti di lavoro sempre più importanti, spiega Richard Robins dell'Università della California di Davis.

La situazione cambia però con la vecchiaia: la casa o l'alloggio si svuotano all'improvviso, il lavoro diventa superfluo e la salute si degrada. Tutti fattori che incidono sull'autostima.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×