Parco nazionale fra natura e architettura

Il nuovo centro d'informazione del Parco nazionale svizzero è stato inaugurato sabato a Zernez. Padrino è stato il ministro dell'ambiente Moritz Leuenberger.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2008 - 18:52

L'edificio cubico - opera dell'architetto di origine poschiavina e zurighese d'adozione Valerio Olgiati - è un compromesso tra l'architettura urbana e la montagna, ha detto Leuenberger. L'arte, simbolizzata dal cubo, "ci dimostra cos'è la natura: cioè un'estetica che ci influenza e ci fa riconoscere i contrasti", ha proseguito."Il parco nazionale è e rimane un nostro specchio, in cui guardiamo con orgoglio e gioia", ha aggiunto.

I lavori di costruzione sono durati sei anni. I costi dell'edificio a tre piani ammontano a 14 milioni di franchi, la metà dei quali a carico della Confederazione.

Per l'inaugurazione è organizzata una festa popolare, a cui hanno partecipato il governo dei Grigioni e le autorità dei comuni engadinesi. Il centro sorge di fronte al castello Planta-Wildenberg, che sarà utilizzato come nuova sede dell'amministrazione del parco.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo