Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

SWI swissinfo.ch cerca testimoni Avete trascorso le ferie nella Casa per gli svizzeri all'estero?

Un uomo, un bambino e una donna seduti su una panchina.

A Dürrenäsch, numerosi svizzeri all'estero hanno trascorso le vacanze nella casa creata appositamente per loro a tale scopo. In questa immagine, una giovane famiglia nel 1958.

(Keystone / Jules Vogt)

Tra il 1956 e il 1979, in Argovia c'era una colonia di vacanze per gli svizzeri all'estero. Siete stati anche voi in ferie a Dürrenäsch?

C'è stato un tempo in cui il piccolo villaggio argoviese di Dürrenäsch era conosciuto in tutto il mondo. Almeno tra gli svizzeri all'estero.

Desiderate essere al corrente di cosa si discute in Svizzera?
Con l'App 📱 'SWI plus' ricevete ogni giorno un breve riassunto dei temi e dei dibattiti più importanti in Svizzera (in tedesco e francese):
👉 AndroidLink esterno o 👉 iPhoneLink esterno

Fine della finestrella

In quel luogo molti di loro hanno trascorso le loro vacanze in patria tra il 1956 e il 1979. Provenivano dalla Francia, dalla Germania o dall'Italia. Ma anche da Paesi molto più lontani, come il Perù, la Colombia o Singapore.

Ma perché proprio a Dürrenäsch, un piccolo villaggio sconosciuto della Svizzera nord-occidentale, su una collina tra Wynental e il Seetal?

La colonia fondata da un uomo d'affari

Perché Dürrenäsch era il paese natale di Herbert Bertschy-Ringier, l'uomo d'affari che ha fondato la cosiddetta Casa per gli svizzeri all'estero. Egli stesso aveva viaggiato molto nella sua vita e durante quei viaggi aveva frequentemente incontrato suoi connazionali. Avevano tutti qualcosa in comune: la nostalgia di casa.

quattro donne sedute su una panchina e una in piedi che chiacchierano, davanti a una casa.

Queste giovani sono state fotografate nel 1957 davanti alla Casa degli svizzeri all'estero diDürrenäsch . 

(Keystone / Alphons Biland)

All'epoca le vie di comunicazioni erano molto diverse. Raggiungere la Svizzera richiedeva molto più tempo. Le lettere impiegavano giorni o settimane per arrivare. E i viaggi di ritorno in Svizzera erano più costosi e più difficili di quanto non lo siano oggi.

In quella casa in Argovia, gli svizzeri all'estero trovavano rifugio tra i loro connazionali e si godevano le vacanze nella loro patria.

Anche voi, oppure vostri parenti o amici, avete trascorso delle vacanze nella Casa per gli svizzeri all'estero? swissinfo.ch è alla ricerca di testimoni che possano raccontarci le loro ferie lì.

Scriveteci:: Melanie.eichenberger@swissinfo.chLink esterno

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.