Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Teniamo alta la tradizione UNSEARCH

La nascita della nuova squadra di calcio dell'AC Lugano offre l'occasione per parlare del settore sportivo luganese.

Intervista con Giovanni Cansani, municipale di Lugano e capo del Dicastero sport.

Giovanni Cansani, perché la Città di Lugano ritiene importante la fusione fra AC Lugano e FC Malcantone/Agno?

È importante innanzitutto per tenere alta una tradizione che va salvaguardata.

In passato l’ex FC Lugano ha vinto due campionati di serie A e diverse coppe svizzere. Riteniamo perciò che il nome della città merita di figurare ancora e sempre nell'élite del calcio svizzero.

Abbiamo anche strutture sportive adeguate a questi livelli. E poi la prospettiva di giocare in una divisione di qualità, con le migliori squadre svizzere, rappresenta un importante incentivo per i giovani calciatori luganesi.

L’uscita del FC Lugano dalla serie A è stato uno choc per la Città di Lugano?

No, non direi che sia uno choc. Già altre volte è capitato e siamo risaliti subito o dopo un purgatorio più o meno lungo.

È stato invece uno choc vergognoso il modo con il quale siamo usciti: frode e ruberie per pagare grandezze e megalomanie!

Non è sicuramente indispensabile tornare in serie A, ma è senz’altro auspicabile.

Concretamente, il Municipio di Lugano come intende aiutare la nuova squadra e lo sport in generale?

Il Municipio già oggi spende più di 1 milione di franchi per mantenere le strutture adatte.

Si farà carico in prima persona di aiutare tutti i movimenti giovanili delle società sportive luganesi – nel 2004 ci sono da ripartire 400’000 franchi – dunque anche la società cittadina di calcio.

È un nostro obbligo darci da fare per fare in modo che le società municipalizzate (Aziende Industriali Luganesi o Casinò SA, ad esempio) aiutino chi dà lustro al nome della città: se l'AC Lugano dovesse tornare in serie A dovrebbe avere gli stessi aiuti che oggi ci si impegna a dare all'HC Lugano (hockey su ghiaccio), ai Lugano Tigers (basket) o alla squadra di pallanuoto.

E gli altri sport?

A parte il trascorso storico, il calcio non occupa posizioni di preminenza preconcette.

Faccio comunque notare che i giovani che praticano il calcio nelle nostre società sportive (scuola calcio, FC Rapid, AC Lugano) sono quasi 800!

Per le altre discipline abbiamo i 413 della ginnastica Lugano (più i 153 della ginnastica Breganzona), 271 dell'HC Lugano, 150 di Judo Budo, 373 di Lugano nuoto, 228 del club pattinaggio, 266 del club di basket , 160 del club alpino e per gli altri siamo sotto ai 100.

È quindi chiaro che per i giovani il calcio è la prima scelta. E il Municipio ne tiene e ne vuole tener conto.

swissinfo, Nenad Stojanovic, Lugano

×