Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Tennis: Gstaad senza più svizzeri

Marco Chiudinelli, Michael Lammer et Alexander Sadecky sono usciti agli ottavi di finale dell'open svizzero di Gstaad. Il torneo resta così orfano dei matador locali.

Il basilese Chiudinelli, numero 63 delle classifiche mondiali, è stato sconfitto al tie-break (8-6) da Igor Andreev. Il punteggio finale della combattutissima partita, iniziata mercoledì e portata a termine giovedì – la pioggia prima e l'oscurità poi hanno provocato delle interruzioni – è stato di 6-3, 6-7 (6-8), 7-6 (8-6).

L'uscita di scena a Gstaad segna la fine della stagione su terra battuta di Chiudinelli. Nel suo programma ci sono ora tornei su superfici veloci. Il 28enne ha molti punti da difendere, ma si dice «fiducioso e ottimista. A Gstaad ho affrontato due giocatori eccellenti e in un caso ho vinto [contro il detentore del titolo Bellucci, 21esimo delle classifiche mondiali, ndr.]. Sono sulla buona strada. La seconda parte della stagione sarà migliore della prima», ha assicurato Chiudinelli che nel 2010 ha vinto solo 10 partite del circuito principale.

Avventura finita, ma senza rimpianti, anche per Michael Lammer (28 anni, ATP 209) e Alexander Sadecky (23 anni, ATP 437) che hanno subito la legge delle teste di serie. Lammer è stato sconfitto da Nicolas Almagro (ATP 18), aggiudicandosi però un set, il primo (3-6, 6-3, 6-2).

Sadecky è stato battuto dal numero uno del torneo, Mikhail Youzhny (ATP 14) per 7-5, 6-4. Il giovane argoviese si è comunque presentato sorridente in conferenza stampa: «Sapevo che potevo tener testa a degli ottimi giocatori in allenamento, ora so che posso farlo anche durante un incontro». Obiettivo di Sadecky: entrare tra i primi 300 al mondo entro la fine dell'anno.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×