Navigation

Skiplink navigation

Tennis: semifinale tutta svizzera a Basilea

Agli Swiss Indoors di Basilea, Roger Federer si è facilmente sbarazzato venerdì del russo Evgeny Korolev. Sabato in semifinale affronterà l'altro elvetico ancora in lizza, Marco Chiudinelli. Nulla da fare invece per Stanislas Wawrinka, sconfitto da Novak Djokovic.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2009 - 10:45

Il pubblico renano potrà gustarsi sabato un duello al 100% svizzero, o meglio al 100% basilese, visto che sia Federer che Chiudinelli sono originari della città sulle rive del Reno.

Nei quarti di finale disputatisi venerdì, il numero uno della classifica ATP – vincitore delle tre ultime edizioni dei Davidoff Swiss Indoors – ha avuto bisogno di soli 55 minuti per venire a capo di Evgeny Korolev (6-3, 6-2).

Marco Chiudinelli (ATP 73) è dal canto suo riuscito a staccare il biglietto per le semifinali sconfiggendo con il punteggio senza appello di 6-1 6-2 il francese Richard Gasquet (ATP 57), forse debilitato da una tendinite alla spalla e probabilmente nervoso in vista dell'udienza davanti al Tribunale arbitrale dello sport, in seguito a un controllo positivo alla cocaina.

Grandi amici, Federer e Chiudinelli si affronteranno per la prima volta in una partita ufficiale di un torneo dell'ATP.

Stanislas Wawrinka (ATP 21) non è invece riuscito a superare lo scoglio Novak Djokovic (3-6, 7-6, 6-2). Contro il numero 3 al mondo, il tennista vodese ha avuto l'occasione di fare la differenza nel secondo set, dopo essersi aggiudicato il primo. Sul 4-3 a suo favore, però, non è riuscito a mantenere il servizio. Djokovic ha così potuto rientrare in partita ed aggiudicarsi il secondo set al tie-break.

In semifinale, il serbo affronterà il ceco Radek Stepanek (ATP 14), vittorioso nei confronti del croato Marin Cilic (ATP 13).

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo