Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Turisti svizzeri sempre più arditi

Nel 2001 nove svizzeri sono stati arrestati in Tailandia in possesso di stupefacenti

(Keystone Archive)

Le richieste di protezione consolare aumentano. Dall'inizio dell'anno sono già stati trattati 758 casi; erano 1024 in tutto il 2001. Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) invita alla prudenza.

Statisticamente, nessuno viaggia così spesso e va così lontano come gli svizzeri. «Ogni giorno 300 000 auto varcano la frontiera e ogni anno ci sono 12 milioni di passeggeri aerei» ricorda Markus Börlin, capo aggiunto della divisione IV del DFAE. L'accresciuta mobilità degli svizzeri moltiplica anche i rischi di trovarsi in situazioni difficili durante i viaggi. In questi casi, i turisti si rivolgono alla rappresentanza diplomatica o consolare più vicina.

Per far fronte alla sempre maggiore domanda e in seguito al dramma di Luxor, nel 1999 è stata creata la divisione politica IV al DFAE. Questa comprende la protezione consolare, i servizi per gli svizzeri all'estero e lo stato maggiore di crisi. Le unità sono entrate in funzione ad esempio l'11 settembre, dopo l'attentato di New York per individuare i 120 svizzeri dichiarati dispersi.

Problemi che cambiano

I progressi nel traffico bancario internazionale hanno un po' ridotto la proporzione di richieste di aiuto finanziario, ma le domande di assistenza in generale aumentano. Nel 2001, 347 persone hanno avuto problemi con la giustizia o le forze dell'ordine di 55 paesi e sono state arrestate.

Quest'anno la divisione politica IV ha già assistito 303 svizzeri finiti dietro le sbarre all'estero. I casi più frequenti riguardano traffico e consumo di stupefacenti: nel 2001 erano coinvolte 127 persone e quest'anno sono finora 117.

«Sono spesso giovani che credono che il paese in questione sia un po' più tollerante, un po' più lassista o corrotto», spiega Börlin. In Thailandia ad esempio una condanna per reati legati alla droga può arrivare fino a 40 anni di prigione, ha aggiunto. «Vi lascio immaginare cosa significhi un soggiorno in una prigione thailandese».

L'anno scorso i nuovi rapimenti erano stati undici mentre nel 2002 per ora se ne conta uno solo. Il DFAE comunque continua ad occuparsi anche quest'anno di 21 «vecchi» dossier. Attualmente la divisione politica IV lavora su un solo caso in cui il sequestro è stato confermato, ha detto Börlin senza aggiungere particolari.

Prevenire è meglio di curare

I viaggi decisi all'ultimo minuto possono comportare numerosi rischi perché le persone non hanno tempo per informarsi sul paese prescelto. Due turisti svizzeri ad esempio sono stati rapiti in Colombia dopo aver noleggiato motociclette per fare un'escursione.

Informarsi correttamente sui rischi è imperativo, sottolineano i responsabili della protezione consolare. Ricordano inoltre che loro non possono far altro che sorvegliare l'applicazione del diritto in vigore nel paese. «Troppe persone credono che noi possiamo assicurare loro un trattamento come in Svizzera», constata Börlin.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.