Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Un ginevrino candidato alla guida dei Verdi

Ueli Leuneberger, parlamentare ginevrino con radici bernesi

(Keystone)

Ueli Leuenberger dovrebbe diventare il nuovo presidente del Partito ecologista svizzero. La direzione del partito proporrà la candidatura unica del deputato ginevrino all'assemblea dei delegati del 26 aprile.

La direzione si è così espressa contro l'ipotesi di una co-presidenza, avanzata da Franziska Teuscher. La deputata bernese dovrebbe assumere la vicepresidenza del partito.

Entrambi i consiglieri nazionali si erano candidati alla presidenza del partito, ma non condividevano la stessa visione della funzione. Mentre Leuenberger puntava ad una presidenza unica, Teuscher avrebbe preferito uno co-presidenza.

Non riuscendo a convincere il candidato ginevrino, Teuscher ha rinunciato alla sua candidatura per la presidenza. "Non volevo provocare un conflitto tra un uomo e una donna all'assemblea dei delegati del 26 aprile", ha spiegato ai media.

Ueli Leuenberger ha da parte sua sottolineato che il tema dell'uguaglianza tra uomo e donna è per lui molto importante, ma che "nella situazione attuale del partito, uno job sharing non sarebbe la forma di organizzazione adeguata".

Un punto di vista condiviso dal comitato direttivo, che ha sostenuto questa soluzione all'unanimità, ha indicato l'ex consigliera nazionale Anne-Catherine Menétrey, a capo della commissione incaricata di presentare le candidature al comitato.

Rafforzare il partito

La necessità di rafforzare il partito e di professionalizzare la presidenza ha fatto pendere la bilancia dal lato del candidato ginevrino. Leuenberger, attualmente vice-presidente del partito, ha già dato prova delle sue capacità strategiche, ha detto Menétrey.

Il ginevrino rappresenta del resto la sezione cantonale più forte del partito. A Ginevra nelle ultime elezioni federali i Verdi hanno ottenuto il 16% dei voti, ha ricordato il segretario generale del partito Hubert Zurkinden.

Franziska Teuscher non sarà tuttavia solo il rimpiazzo del presidente, "Lavoreremo insieme", ha detto Leuenberger. "Non abbiamo la stessa visione sulla presidenza, ma abbiamo le stesse visioni a livello politico e sulla questione climatica".

Con i suoi grandi successi elettorali – i Verdi hanno più che raddoppiato i loro voti tra il 1999 e il 2007 – il partito è in una fase molto importante, ha rilevato Leuenberger. "Voglio lavorare in rete per realizzare le rivendicazioni della nostra piattaforma elettorale".

Ueli Leuenberger è entrato in Consiglio nazionale (camera del popolo) nel 2003, mentre Franziska Teuscher vi siede dal 1995. Se la bernese sarà eletta alla vicepresidenza del partito, manterrà la presidenza dell'Associazione traffico e ambiente (ATA). La presidente uscente dei Verdi Ruth Genner lascerà la carica, come previsto dagli statuti, alla fine di aprile.
swissinfo e agenzie

In breve

Nelle elezioni federali dell'autunno 2007 i Verdi hanno ottenuto il 9,6% dei voti.

Ruth Genner è stata la presidente dei Verdi rimasta più a lungo in carica.

Nel 2001 la zurighese è stata eletta co-presidente dei Verdi assieme al ginevrino Patrice Mugny. Dal 2004 la consigliera nazionale è presidente unica del partito.

La maggior parte dei suoi predecessori (Ruedi Baumann, Irène Gardiol e Laurent Rebeaud) sono rimasti per due o tre anni alla testa dei Verdi.

Anche il Partito socialista svizzero (PS) e l'Unione democratica di centro (UDC) eleggerà prossimamente un nuovo presidente.

Il consigliere nazionale friburghese Christian Levrat dovrebbe prendere le redini del PS il 1° marzo. Lo stesso giorno il consigliere nazionale Toni Brunner sarà eletto presidente dell'UDC.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×