Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Una nuova compagnia aerea nei cieli svizzeri

La nuova compagnia regionale riuscirà a decollare nel migliore dei modi?

(Keystone)

Con il decollo della nuova entità regionale - afferma l'esperto Sepp Moser - Swiss vorrebbe smorzare il conflitto che la oppone ai suoi piloti e ai sindacati.

Creata ad inizio settembre, Swiss European Air Lines ha ricevuto l'autorizzazione dell'Ufficio federale dell'aviazione civile la settimana scorsa.

Swiss, rilevata dalla tedesca Lufthansa, afferma che la riorganizzazione le permetterà di fare dei risparmi. L'analista Sepp Moser, invece, ritiene che si tratti di una mossa per evitare problemi con gli ex-piloti di Crossair e il sindacato tedesco dei piloti, Cockpit.

Secondo l'esperto, questa strategia creerà dei problemi che saranno risolti solo in tribunale.

swissinfo: La creazione di Swiss European Airlines è una buona idea?

Sepp Moser: È l'unica idea rimasta dopo che l'integrazione degli ex-piloti di Swissair e della sua filiale regionale Crossair è chiaramente fallita.

Swiss sta ora reinstaurando la situazione che vi era in passato. Più o meno, Swiss European Airlines corrisponde alla ex-Crossair, e Swiss alla ex-Swissair.

swissinfo: Qual'è la ragione di questa creazione?

S.M.: La ragione principale è quella di evitare i problemi con il sindacato tedesco dei piloti, Cockpit, che non vuole permettere ai piloti di Swiss di volare su aerei di oltre 100 posti.

Cockpit ha firmato un contratto con la compagnia aerea tedesca che prevede che, salvo qualche eccezione, gli apparecchi con più di 100 posti a sedere saranno pilotati da membri del sindacato.

Il nocciolo della questione è: Cockpit accetterà Swiss European Airlines quale nuova e separata entità?

swissinfo: Swiss vuole che gli ex-piloti di Crossair accettino i nuovi contratti, che prevedono condizioni ad essi meno favorevoli. Questo conflitto sarà risolto con la creazione di Swiss European Airlines?

S.M.: I contratti di Swiss con gli ex-piloti di Crossair non sono più valevoli dal 31 ottobre. Secondo la compagnia aerea elvetica, questi piloti voleranno per Swiss European Airlines senza un contratto collettivo.

Sembra però che Swiss non abbia tenuto conto di quanto stabilito dal Tribunale federale. La sua giurisprudenza infatti, prevede che, se una società ha più contratti collettivi, i suoi impiegati possono sottomettersi a uno di essi quando il loro contratto volge a termine.

L'Associazione svizzera dei piloti – che rappresenta gli ex-piloti di Crossair – sostiene che i suoi membri devono ora sottostare alla stessa paga e alle stesse condizioni previste per gli ex-piloti Swissair e che non possono essere licenziati fino alla fine del 2006.

La questione creerà sicuramente dei conflitti, che saranno portati davanti a un tribunale. Dovremo quindi attendere il verdetto.

swissinfo: Swiss afferma che la creazione della nuova compagnia aerea le permetterà di fare dei risparmi, come previsto dalla strategia di riorganizzazione.

S.M.: È un pretesto. Swiss non può ridurre ulteriormente la paga dei piloti di Swiss European Airlines. Può risparmiare solo sul salario degli ex-piloti di Swissair (Swiss International Airlines), alcuni dei quali sono lautamente remunerati.

In questo settore, tuttavia, Swiss non accenna a voler risparmiare.

swissinfo: Qual'è il futuro di Swiss?

S.M.: Swiss vuole diventare una filiale di Lufthansa. Ma ciò sarà possibile solo a determinate condizioni.

Lufthansa vuole che nel 2006, Swiss non sia più in perdita e registri degli utili a partire dal 2007. Vuole inoltre che, entro l'inizio del 2007, i problemi con i sindacati siano risolti.

Inoltre, Swiss deve ottenere il permesso dei Paesi al di fuori dell'Europa – fra cui gli Stati Uniti – di volare sotto il dominio di Lufthansa.

Attualmente, Swiss è in ritardo nella tabella di marcia della sua integrazione alla compagnia aerea tedesca. Si può quindi prevedere qualche grossa delusione.

Intervista swissinfo: Matthew Allen
(Traduzione: Anna Passera)

Fatti e cifre

Swiss European Airlines è stata autorizzata dall'Ufficio federale dell'aviazione a dare il via alla propria attività il 1. novembre.
Swiss è stata creata nel 2002 dalla fusione di Crossair e Swissair, fallita nel 2001.
Da allora, all'interno di Swiss vi sono problemi fra i piloti: quelli della ex-Crossair infatti, vogliono ottenere la stessa paga e le stesse condizioni di lavoro dei colleghi della ex-Swissair.
Lo scorso mese di marzo, Lufthansa ha annunciato di avere deciso di rilevare Swiss.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×