Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Val d'Isère: doppietta svizzera nella discesa maschile

Fra gioia e delusione: Didier Cuche per un soffio non raddoppia l'oro

(Keystone)

Si arricchisce di giorno in giorno il medagliere elvetico ai Campionati del mondo di sci in Val d'Isère. Dopo l'oro nel Super-G, Didier Cuche ha conquistato l'argento nella discesa. Alle sue spalle, un altro svizzero: Carlo Janka, che si è aggiudicato il bronzo. L'oro è stato vinto dal canadese John Kucera.

Per soli 4 centesimi, Didier Cuche sabato non è riuscito a raddoppiare l'oro conquistato mercoledì nel Super-G. Su una pista molto selettiva, in cui le strette curve si alternano a tratti molto ripidi, il più veloce è però stato Cucera. Il canadese l'ha percorsa in 2 minuti 7 secondi e 1 centesimo. Il 25enne di Calgary, partito con il dorsale numero 2, è stato la grande sorpresa di questa discesa condizionata dalla visibilità.

Al terzo posto, Carlo Janka ha impiegato 17 centesimi più di lui. La squadra rossocrociata ha dunque compiuto una bella impresa, assicurandosi due posti sul podio. Buona prestazione, inoltre di Marco Büchel, del Liechtenstein: il veterano del circo bianco che si allena con gli svizzeri si è piazzato quarto.

Nella top ten non si è classificato nessun altro svizzero. Ambrosi Hoffmann è giunto in diciassettesima posizione, mentre Didier Défago, sul quale erano riposte molte speranze, è caduto.

Quando la nebbia ci mette lo zampino

Senza nulla togliere alla bravura di John Kucera, la corsa è stata condizionata dalla meteo. Le condizioni di visibilità variavano in continuazione, con la nebbia che sembrava giocare a nascondino.

"Era un po' una lotteria. Si sperava che la schiarita durasse almeno finché fossero scesi i primi 22, o ancora meglio fino al 30°", ha dichiarato Didier Cuche.

Ovviamente raggiante, il nuovo campione del mondo John Kucera ha ricordato che si è trattato del suo primo podio in discesa. Il canadese, figlio di emigranti cechi, finora aveva vinto una sola gara di Coppa del mondo: il Super-G di Lake Louise (C) nel novembre 2006. "So di non aver fatto una corsa perfetta, ma ho cercato di attaccare in continuazione", ha rilevato.

"Mi sentivo a mio agio in questa montagna che richiede qualità fisiche e tecniche. Questa mattina mi sono svegliato sperando di arrivare sul podio". Un desiderio pienamente esaudito, per uno sciatore che in questa stagione come miglior risultato in discesa aveva un 14° posto a Wengen alla metà di gennaio.

Svizzeri fra piacere e amarezza

In casa rossocrociata al termine della gara regnava un misto di sentimenti, fra la grande soddisfazione per le due medaglie e la delusione di avere mancato l'oro per un pelo. Ma Cuche non si può certo lamentare. Ancora in ritardo di mezzo secondo su Kucera all'ultimo tempo intermedio, il neocastellano ha recuperato con una magica prestazione sul finale.

Così ha potuto aggiungere l'argento della discesa all'oro del Super-G, confermando di essere in perfetta forma. A quasi 35 anni, lo svizzero si sta rivelando il grande protagonista di questi mondiali.

Il bronzo conquistato Janka è stata la ciliegina sulla torta elvetica. Già vincitore del bronzo nel gigante ai Mondiali juniores del 2006, il grigionese è alla sua prima medaglia "fra i grandi".

La squadra svizzera è così tornata per la prima volta da 18 anni con due uomini sul podio ai Campionati del mondo. Per trovare un risultato analogo occorre risalire al 1991, quando a Saalbach Franz Heinzer conquistò il titolo di campione del mondo e Daniel Mahrer si classificò terzo.

Nota dolente di questa giornata di gioia per la squadra svizzera è stata l'eliminazione di Defago. A metà percorso, quando sembrava avviato a conquistare una medaglia, il vallesano è caduto. Un errore che ha infranto i suoi sogni di gloria in questa discesa, ma che fortunatamente non ha avuto conseguenze fisiche.

Il "bottino" degli elvetici in Val d'Isère intanto sabato è nuovamente cresciuto. La Svizzera è per ora in testa nel medagliere per nazioni, con 4 medaglie: 1 d'oro, 2 d'argento e 1 di bronzo. Al secondo posto c'è l'Austria con 3 (1 oro, 2 bronzi) e al terzo exaequo gli Stati Uniti e il Canada con una d'oro ciascuno.

swissinfo e agenzie

Classifica

1. John Kucera (C) 2'07"01
2. Didier Cuche (CH) a 0"04
3. Carlo Janka (CH) a 0"17
4. Marco Buechel (FL) a 0"52
5. Adrien Theaux (F) a 0"94
6. Hermann Maier (A) a 1"18
7. Werner Heel (I) a 1"20
8. Bode Miller (USA) a 1"37
9. Michael Walchhofer a 1"43
10. Klaus Kroell (A) a 1"60

Ambrosi Hoffmann si è piazzato al 17° posto, mentre Didier Défago è caduto.

Fine della finestrella

Programma rimanente

Domenica 8: discesa donne

Lunedì 9: supercombinata uomini

Mercoledì 11: coppa delle nazioni per squadra

Giovedì 12: slalom gigante donne

Venerdì 13 slalom gigante uomini

Sabato 14: speciale donne

Domenica 15: speciale uomini

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×