Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Vento e sole per dare luce alle terre più lontane

La Little Wind House, ovvero l'impianto eolico-fotovoltaico della ditta ticinese Greentecno

(swissinfo.ch)

Tecnologia ticinese al servizio dell'aiuto allo sviluppo: il progetto della società Greentecno, con sede a Chiasso, sta suscitando un notevole interesse sul piano internazionale.

Esportare energia pulita nei paesi emergenti attraverso un impianto eolico-fotovolatico per produrre elettricità è la sfida – e soprattutto la missione - dei responsabili dell'azienda.

Acqua, istruzione e energia elettrica sono i tre bisogni primari di quattro miliardi della popolazione mondiale che vive nelle aree rurali dei paesi emergenti e in via di sviluppo.

Sono anche tra i temi centrali degli Obiettivi del Millennio definiti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) per favorire uno sviluppo più equo e garantire maggiore giustizia in quelle terre dove miseria e disperazione sono pane quotidiano.

Assicurare acqua, istruzione e energia elettrica sono anche gli obiettivi della società ticinese Greentecno, che si prefigge di sviluppare progetti che raggiungano una sostenibilità sociale e ambientale a 360 gradi. "Non solo portando elettricità, acqua potabile ed istruzione – sottolinea il presidente Marco Mantovani – ma anche creando occupazione, diffondendo competenze tecniche che permettano alle comunità locali di essere parte attiva nello sviluppo del proprio paese".

Dal passo del San Gottardo all'Africa

Il prototipo del generatore eolico-fotovoltaico LWH (Little Wind House) sviluppato dalla Greentecno, si trova da oltre un mese sul passo del San Gottardo per una serie di verifiche. Un luogo scelto non per caso: la regione del Gottardo figura tra le dodici maggiormente idonee della Svizzera per la produzione elettrica sfruttando i venti. Del resto la creazione di un Parco eolico, la cui fattibilità è stata riconosciuta anche dagli ambientalisti ticinesi, si spiega proprio per le caratteristiche dell'ubicazione.

Nel giorno scelto dalla Greentecno per la presentazione, la neve accoglie i responsabili e i giornalisti. Infreddoliti e rintanati nei propri mantelli, osservano "la piccola casa del vento" che capace di grandi cose, come captare il minimo movimento dell'aria. Composta da una turbina eolica verticale abbinata a un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica rinnovabile, è estremamente duttile e modulabile.

La produzione dei primi impianti inizierà da gennaio 2008 e le prime consegne sono previste a partire dalla fine marzo, destinazione Africa e India. Il prezzo dell'apparecchiatura è di 25 mila franchi (prezzo di produzione svizzero) ma potrà anche essere prodotta in gran parte nelle nazioni di destinazione. La tecnologia continuerà ad essere "made in Switzerland" e sviluppata in Ticino.

Trenta litri di acqua potabile al giorno

"Se pensiamo che ogni trenta secondi muore un bambino a causa dell'acqua non potabile – osserva Mantovani – ci rendiamo conto di quanto sia urgente intervenire. Con il nostro impianto, che produce acqua condensando l'umidità dell'atmosfera, si possono garantire fino a 30 litri al giorni di acqua potabile. L'energia prodotta con la LWH è sufficiente per rispondere alle esigenze di una decina di nuclei familiari".

E quando si parla di emergenza ambientale nei paesi in via di sviluppo, Ferdinando Bernasconi sa perfettamente di cosa si sta parlando. Nelle Filippine da 25 anni, il direttore generale della Greentecno ha girato il mondo, comprese le zone più disperate della Terra. Parla delle popolazioni dei paesi emergenti con il rispetto di chi le ha conosciute.

"In questi paesi – afferma Bernasconi – dobbiamo portare delle apparecchiature che servono, che possono essere montate, usate, in modo indipendente. Facendo capo alle migliori tecnologie disponibili attualmente in tutto il mondo, abbiamo dunque progettato degli impianti per agevolare e semplificare tanto il montaggio quanto la manutenzione, coinvolgendo personale locale. Il nostro obiettivo è infatti anche quello di creare posti di lavoro. L'aiuto ha senso se si favorisce l'autonomia, e non se si creano nuove dipendenze".

Non solo solidarietà

Attraverso gli impianti di produzione energetica, potranno pure essere alimentati piccoli computer, sviluppati dalla ditta ticinese TC Systems SA per favorire l'alfabetizzazione e l'istruzione sanitaria. "Lo scopo di questo computer, realizzato con materiale non deperibile – puntualizza Mantovani – è in fondo uno solo: permettere alla gente di imparare a leggere, scrivere e far di conto, gli elementi di base dell'alfabetizzazione".

Ma una ditta, benché basata su principi etici, deve anche rendere, fare affari, incassare. Nata grazie esclusivamente a fondi privati, sulla cui provenienza la direzione mantiene l'assoluta discrezione, l'azienda impiega un'ottantina di persone.

"Questo progetto internazionale - ha precisato l'amministratore delegato Stefano Mombelli - è frutto di due anni di ricerche e di lavoro svolte in Ticino, coinvolgendo aziende e competenze sul territorio. Per noi questo legame con le risorse disponibili in Ticino è importante. Siamo pronti ad aprirci anche al mercato svizzero".

"Intanto sono già state firmate lettere d'intenti con governi ed organizzazioni non governative per 1,2 miliardi di dollari. Se queste dichiarazioni si tradurranno in ordinazioni effettive nella misura del 5-10%, ovvero pari a 60-120 milioni di dollari - conclude Mombelli - il futuro della ditta è più che garantito".

swissinfo, Françoise Gehring, Passo del San Gottardo

In breve

Il progetto dell'azienda ticinese Greentecno ha ricevuto un importante riconoscimento: la società londinese di consulenza e ricerche di mercato Frost&Sullivan ha attribuito al gruppo il premio 2007 come miglior impresa europea attiva nel campo delle energie rinnovabili.

La Greentecno, oltre a produrre energia con un impianto eolico-fotovolatico e acqua potabile attraverso una condensatore di umidità dell'atmosfera, ha sviluppato anche l'"Edu-computer" per facilitre l'accesso all'istruzione di base; è realizzato con materiali solidi e resistenti alle condizioni climatiche avverse.

Fine della finestrella

energia eolica

L'energia eolica è l'energia cinetica estratta dal vento. Tale energia varia con il cubo della sua velocità. Trattandosi d'un fenomeno non costante in termini di potenza e direzione, legato alla morfologia del territorio e dell'ambiente, è possibile localizzare gli impianti eolici solo in determinate zone.

A livello mondiale, l'energia eolica sta conoscendo una forte crescita: il tasso globale di incremento dei nuovi generatori è del 20%. Anche in Svizzera l'energia eolica ha ancora un elevato potenziale di crescita: entro il 2030 gli impianti che soddisfano i severi criteri della "Concezione energia eolica Svizzera" potrebbero arrivare a produrre circa 600 GWh di energia elettrica all'anno.

I migliori siti per l'installazione di generatori eolici si trovano sulle alture del Giura, ma anche nelle Alpi e nella parte occidentale dell'Altopiano.

Fine della finestrella

energia solare

Per energia solare si intende l'energia emanata dal sole e trasmessa sulla terra come radiazione elettromagnetica. Si tratta di una fonte pulita, inesauribile ed abbondante che tuttavia è discontinua nel tempo. Inoltre le varie condizioni climatiche e la latitudine influenzano l'irraggiamento del sito ( potenza istantanea che colpisce la superficie, misurata in kW/m2).

I pannelli fotovoltaici convertono direttamente la luce solare in elettricità e rappresentano un'importante tecnologia per l'approvvigionamento elettrico sostenibile del futuro. Il potenziale dell'elettricità di origine solare è notevole: entro il 2050 circa il 20% dell'attuale fabbisogno di energia elettrica potrebbe essere coperto con impianti fotovoltaici.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza