Versoix "nello spazio" con Integral

Il satellite Integral potrebbe contribuire a svelare alcuni tra i più grandi misteri dell'universo (foto: http://root.cern.ch) The Integral satellite is expected to shed new light on the origins of life (picture: http://root.cern.ch)

Il centro per la raccolta e la gestione dei dati trasmessi dal satellite Integral dell'Agenzia Spaziale Europea si è insediato a Versoix, nel canton Ginevra.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 aprile 2002 - 16:59

Il lancio del satellite avrà luogo il 17 ottobre.

Integral (INTErnational Gamma Ray Astrophysics Laboratory) ha una massa di 4 tonnellate ed è il più grande satellite scientifico realizzato dall'Europa. Il lancio avverrà dal poligono russo di Baikonur con un razzo Proton.

Durante i due anni previsti per il funzionamento in orbita del satellite a raggi Gamma, l'ISDC (Integral Scientific Data Center) provvederà alla gestione dei dati e alla loro distribuzione agli astronomi di tutto il mondo.

Come evolve l'universo?

Attualmente il satellite si trova in Olanda, nei laboratori europei dell'Estec, per un'ultima campagna di prove ambientali. Il satellite è una componente fondamentale del programma scientifico a lungo termine dell'Esa «Horizon 2000». Integral è un osservatorio astronomico il cui principale obiettivo è l'esplorazione dei fenomeni ad alta energia che avvengono in natura, studiati tipicamente dall'astronomia dei raggi Gamma, che forniscono informazioni preziose per comprendere l'evoluzione dell'Universo.

Integral farà uso della spettroscopia ad alta risoluzione, associata alla capacità di produrre immagini ad alta definizione, per individuare con accuratezza e studiare la natura di sorgenti celesti nel dominio dei raggi Gamma: stelle nane bianche, stelle di neutroni, potenziali buchi neri, novae, supernovae, nuvole galattiche e il centro della nostra galassia.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo