Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Volto nuovo alla testa di Unia

Prima di essere eletto copresidente, Andreas Rieger guidava il settore servizi di Unia

(Keystone)

Il più grande sindacato svizzero ha un nuovo copresidente. Il 54enne Andreas Rieger affiancherà Renzo Ambrosetti alla testa di Unia.

Rieger, eletto sabato a Berna dalla quasi unanimità dei delegati del sindacato, prende il posto del dimissionario Vasco Pedrina.

Andreas Rieger, 54 anni, è il nuovo copresidente del sindacato Unia. Lo hanno eletto sabato i delegati del sindacato con 107 voti su 111. Rieger subentra al dimissionario Vasco Pedrina che ha annunciato il suo ritiro per la fine del 2006.

Rivolgendosi ai delegati, Rieger ha indicato che si batterà per un sindacato intelligente, giovane, con un forte potenziale di mobilitazione e con una maggiore rappresentanza femminile.

"Una simile forza è indispensabile di fronte alle crecenti ingiustizie sociali", ha detto Rieger. Il rifiuto di numerosi datori di lavoro di condividere con i salariati i vantaggi della buona situazione congiunturale, ma anche i tentativi di peggiorare i rapporti di lavoro, sono la testimonianza "di una inaccettabile mancanza di rispetto".

25 anni di esperienza

Con il ticinese Vasco Pedrina, da 15 anni a capo di un sindacato, Unia perde un uomo dalla grande esperienza. In Rieger, però, ha trovato un degno sostituto.

Andreas Rieger è stato a lungo membro della direzione del Sindacato edilizia e industria (SEI). Tra i suoi meriti c'è anche quello di aver preparato la strada alla fusione tra sindacati che ha portato alla nascita di Unia.

Negli anni Novanta è riuscito con successo a sviluppare l'azione sindacale nel settore dei servizi, un settore in forte crescita. È stato inoltre responsabile di una delle campagne sindacali più incisive degli ultimi anni: «No ai salari inferiori ai 3000 franchi».

Pedrina impegnato nella formazione

Come Rieger, il dimissionario Vasco Pedrina è stato tra gli artefici della fusione sindacale. Sempre in prima linea, Pedrina, insieme ad altri tre membri della direzione di Unia, è stato multato e condannato in agosto a 14 giorni con la condizionale per aver bloccato con una manifestazione il tunnel autostradale del Baregg.

Con le dimissioni da copresidente di Unia, Vasco Pedrina spera di aver più tempo per la sua famiglia. Non intende però ritirarsi completamente dalle attività del sindacato. Metterà la sua esperienza a servizio della formazione dei futuri segretari sindacali.

swissinfo e agenzie

In breve

UNIA è il frutto della fusione, attuata nell'ottobre del 2004, tra il Sindacato edilizia ed industria (SEI), la Federazione svizzera dei lavoratori del commercio, dei trasporti e dell'alimentazione (FCTA), il Sindacato dell'industria, della costruzione e dei servizi (FLMO) e il Sindacato dei servizi Unia.

Con i suoi 203'000 membri e 1'000 collaboratori, UNIA è il più grande sindacato della Svizzera.

UNIA gestisce circa 500 convenzioni collettive di lavoro in oltre 80 settori e rappresenta quasi un milione di lavoratori.

Il sindacato gestisce inoltre la più grande cassa di disoccupazione del paese.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×