Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Importazioni illegali


Il Viagra generico indiano inonda il mercato svizzero




I servizi doganali svizzeri nel 2014 in media hanno intercettato più di un pacchetto al giorno contenente stimolanti erettili provenienti dall'India. (Keystone)

I servizi doganali svizzeri nel 2014 in media hanno intercettato più di un pacchetto al giorno contenente stimolanti erettili provenienti dall'India.

(Keystone)

In Svizzera molti uomini sfruttano una scappatoia legale per acquistare su internet Viagra generico indiano a buon mercato. Ma queste pillole a basso prezzo comportano un rischio per la salute e sono suscettibili di essere legate alla criminalità farmaceutica.

"Grazie per averci contattato. Un operatore sarà presto disponibile per lei", dice la finestra live chat di un sito di vendita di farmaci generici indiani. Quasi immediatamente un operatore, presentato con il nome di Paul, si collega con swissinfo.ch in una chat dal vivo.

"La nostra sede principale si trova a Londra e tutti i farmaci sono spediti dall'India", dice. In meno di due minuti Paul conferma che l'invio in Svizzera di quantità illegali di versioni generiche di stimolanti per l'erezione, come Viagra e Cialis, non dovrebbe essere un problema.

Assicura inoltre a swissinfo.ch che la sua "azienda" offre una garanzia di rimborso integrale dell'importo versato se i prodotti sono confiscati dalla dogana svizzera. Un'offerta veramente allettante per qualsiasi uomo che soffre d'impotenza e sta cercando di rimediarvi.

Gli stimolanti per l'erezione sono un grande business in India. Secondo una ricerca di mercato realizzata da PharmaTrac, l'industria farmaceutica indiana ha conseguito un fatturato pari a 68 milioni di franchi (71 milioni di dollari) nel solo segmento "stimolanti sessuali e ringiovanenti" nel primo trimestre del 2015. Ciò equivale a circa il 20% delle vendite mondiali di Viagra della Pfizer nello stesso periodo, ma le pillole indiane costano circa un quarantesimo dell'originale. Nonostante il prezzo relativamente contenuto, gli stimolanti erettili offrono un margine di profitto superiore al 40%: il più alto tra tutti i farmaci prodotti in India.

Nell'Unione europea (UE) è vietato procurarsi e ricevere per posta preparati farmaceutici per uso personale da un paese al di fuori dello Spazio economico europeo (SEE). È inoltre illegale acquistare un farmaco per la disfunzione erettile o la perdita di peso senza ricetta medica.

Scappatoia elvetica

Chi risiede nella Confederazione (la Svizzera non è uno Stato membro dell'UE) può importare legalmente quantità limitate di farmaci al di fuori del SEE senza ricetta, grazie a una scappatoia nella Legge federale sugli agenti terapeutici.

Limite legale

I residenti in Svizzera sono autorizzati ad importare stimolanti per l'erezione, per uso personale, fino ad un limite massimo di 3000 mg di Sildenafil (nome commerciale: Viagra), 200 mg di Tadalafil (Cialis) e 600 mg di Vardenafil (Levitra).

"Il parlamento non aveva previsto le vendite online quando la legge è stata adottata nel 1990", spiega a swissinfo.ch Ruth Mosimann, capo della sezione Controllo dei medicamenti illegali, presso l'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici swissmedic. Nella legge "è stata introdotta un'eccezione per piccole quantità per turisti in visita in Svizzera, al fine di garantire che non vengano fermati alla dogana".

È questa eccezione che viene sfruttata per importare medicinali per uso personale. Ruth Mosimann stima che la metà dei circa 40mila invii postali di medicinali importati ogni anno in Svizzera rientrino nei limiti stabiliti dalla legge e siano dunque legali. I restanti 20mila sono da ritenersi illegali considerate le elevate quantità contenute, aggiunge.

Queste cifre rappresentano comunque solo proiezioni in base al numero di pacchetti sequestrati dalle dogane svizzere (poco più di 1'200 nel 2014). Nessuno conosce veramente la reale portata del problema dei medicamenti illegali in Svizzera.

Quello che si sa è che l'India è la fonte numero uno di tutti i medicinali illegali sequestrati dalle dogane svizzere, con una quantità che rappresenta il 45% di tutte le confische.

Affari rischiosi

Inquietante è il fatto che molti siti internet vendono compresse di Viagra generico e di Cialis con un dosaggio pari al doppio o al triplo di quello raccomandato. È facile trovare offerte di pasticche di Viagra generico di 200 mg (dosaggio normale 100 mg) e di Cialis generico di 60 mg (dosaggio normale 20 mg).

"L'effetto non è migliore se si ingerisce il doppio o il triplo della dose giornaliera raccomandata. Invece gli effetti collaterali sono sicuramente nettamente maggiori", avverte Ruth Mosimann. "A causa dell'assenza di controllo medico, tali acquisti costituiscono un rischio per la salute, anche se il prodotto acquistato online potrebbe contenere il principio attivo giusto".

I limiti svizzeri all'importazione legale non sono un problema per i venditori online. La maggior parte dei fornitori di Viagra generico contattati da swissinfo.ch erano disposti a consegnare da 10 a 30 volte il limite legale svizzero in un'unica ordinazione.

L'unico deterrente per dissuadere le persone residenti in Svizzera dall'acquisto in grandi quantità di medicinali di dubbia provenienza è una multa per i pacchetti confiscati contenenti farmaci in quantità superiori al limite legale. Ruth Mosimann ritiene che questa misura dissuada la maggioranza degli acquirenti on-line.

Ma il commercio illegale di medicinali in Svizzera non è il solo motivo di preoccupazione. Le autorità svizzere affermano che i venditori online sono spesso legati a criminali che operano in diversi paesi. I fornitori indiani di farmaci generici sono solo una piccola parte del complesso traffico illecito.

In una rara retata nell'ambito delle esportazioni illegali, nel 2014, le autorità dello stato indiano del Maharashtra, hanno scoperto che le ordinazioni erano state inviate da "intermediari", tramite e-mail, ai grossisti in India. Questi ultimi poi hanno setacciato il mercato per individuare i marchi più economici dei farmaci ordinati e li hanno acquistati tramite distributori locali. Infine, i farmaci sono stati imballati e inviati direttamente ai destinatari finali, di cui avevano ricevuto gli indirizzi postali dagli intermediari. Le autorità del Maharashtra hanno notato che il paese d'origine dei messaggi di posta elettronica dei mediatori (di solito negli Stati Uniti, Regno Unito, Australia o Dubai) e quello della destinazione finale del pacco illegale raramente erano uguali.

Questa "compartimentazione" delle attività è stata documentata anche dall'Interpol nel suo rapporto sulla criminalità farmaceutica e le bande organizzate.

Cooperazione indiana

Da un'operazione volta a smantellare le reti di traffici di farmaci, condotta quest'anno dall'Interpol, è emerso che l'India è una delle principali fonti di approvvigionamento – non solo per la Svizzera, ma anche per altri paesi come la Gran Bretagna, l'Irlanda e la Nuova Zelanda (gli unici che hanno divulgato l'origine dei pacchetti sequestrati).

Denominata Pangea, l'operazione coordinata di una settimana – alla quale hanno collaborato giganti di internet, quali Google – ha portato al sequestro di medicamenti illegali per un valore di 81 milioni di dollari, a 156 arresti e alla chiusura di oltre 2'400 siti web.

Ruth Mosimann ammette che gli sforzi elvetici di cooperazione con le autorità indiane per bloccare le forniture di medicinali illegali non hanno avuto molto successo. Si sospetta il governo indiano di essere riluttante a mettere sotto pressione il potente settore farmaceutico, le cui esportazioni sono ammontate a 15 miliardi di dollari nel 2014. L'industria farmaceutica indiana è già sotto tiro per la questione dei medicinali contraffatti (substandard), esportati soprattutto nei più grandi mercati oltreoceano, come gli Stati Uniti. Qui circa il 40% dei generici e dei farmaci da banco (automedicazione) è di origine indiana.

"In qualche modo, all'interno del governo e dell'industria farmaceutica c'è il sospetto che le società indiane siano state ingiustificatamente prese di mira dalle autorità di regolamentazione estere e dalla lobby internazionale della farmaceutica", dice Syed Nazakat, giornalista e fondatore di Health Analytics, il primo sito web specializzato sulla sanità in India. "Il vero problema è che la mal attrezzata e carente di effettivi autorità di vigilanza indiana si preoccupa di salvaguardare l'industria farmaceutica".

Tuttavia, ci sono segnali di un cambiamento di atteggiamento nei confronti delle esportazioni irregolari di medicinali. Il ministro indiano del commercio si sta interessando della questione, a causa delle perdite di entrate per lo Stato, che implica questo contrabbando internazionale, poiché così non vengono pagati i dazi doganali.


(Traduzione dall'inglese: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch

×