Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Collocamenti forzati


Le vittime saranno indennizzate




 Altre lingue: 4  Lingue: 4
Bambini collocati di forza obbligati a lavorare nei campi del canton Berna nel 1940. (Paul Senn/Kunstmuseum Bern)

Bambini collocati di forza obbligati a lavorare nei campi del canton Berna nel 1940.

(Paul Senn/Kunstmuseum Bern)

Dopo la Camera del popolo, anche quella dei cantoni ha accettato giovedì la proposta di un indennizzo finanziario per i bambini vittime di collocamenti forzati. Per il risarcimento è previsto di stanziare una somma di 300 milioni di franchi. In seguito a questa decisione del parlamento, i promotori di un’iniziativa popolare che chiedeva appunto un indennizzo hanno deciso di ritirare il loro testo.

La pratica, giudicata oggi scandalosa, si è protratta fino al 1981. Le autorità hanno sottratto decine di migliaia di bambini poveri ai loro genitori, su pretesto che la loro famiglia era ai margini della società. Il destino di questi bambini collocati presso altre famiglie è stato spesso tragico: lavoro forzato, reclusione, sevizie o addirittura sterilizzazione.

Un’iniziativa popolare depositata nel 2014 da un comitato interpartitico chiedeva la creazione di un fondo di 500 milioni di franchi per risarcire le vittime e di intraprendere ricerche storiche per fare piena luce su questa vicenda.

Indennizzi già l’anno prossimo

Il parlamento ha accettato entrambe le richieste. Tuttavia ha limitato la somma stanziata per il fondo a 300 milioni. Ciò rappresenta un risarcimento individuale compreso in media tra 20'000 e 25'000 franchi. Potranno avervi diritto le persone che sono state colpite personalmente e gravemente da un collocamento forzato.

Gli autori dell’iniziativa hanno definito la decisione «accettabile» e hanno indicato di voler ritirare il loro testo. "Non abbiamo paura di sottoporre la nostra proposta al voto popolare, ma ci vorrebbero diversi anni prima che l'iniziativa possa avere effetto", ha detto Joachim Eder.

Altri senatori anche elogiato l'iniziativa come strumento di democrazia diretta, e un mezzo per fare pressione sulle autorità affinché agirscano. "Senza la pressione iniziativa popolare è difficile immaginare che le vittime ora avrebbero potuto beneficiare di una compensazione finanziaria concreta", ha detto il senatore Paul Rechsteiner.

Anche Werner Hösli, l'avversario solitario giovedi alla Camera dei Cantoni, ha descritto l'iniziativa popolare come un metodo legittimo di combattere per una causa.

Se non sarà lanciato un referendum contro la disposizione del parlamento, i primi indennizzi potranno essere versati già dall’aprile 2017.

Esprimendosi davanti ai senatori, che hanno accettato il controprogetto all’iniziativa per 36 voti contro 1, la ministra di giustizia e polizia Simonetta Sommaruga ha ricordato che questa decisione permetterà di riconoscere l’ingiustizia commessa nei confronti delle vittime dei collocamenti forzati.

Nel novembre 2015, la trasmissione d'approfondimento della RSI Falò aveva dedicato ampio spazio alla tematica dei cosiddetti 'bambini ombra', in particolare per capire qual era stata la situazione in Ticino. Qui potete rivedere la trasmissione e il documentario "Cresciuti nell'ombra" di Saverio Snider:


Traduzione di Daniele Mariani

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×