Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Testimonianza di Clément Wieilly


«È stato lo sport a permettermi di andare avanti»


Di Isabelle Eichenberger


 Altre lingue: 5  Lingue: 5

«Sono nato a Friburgo nel 1954, in condizioni di estrema miseria. A tre anni sono stato affidato all'assistenza pubblica, assieme ai miei due fratelli. Ho conosciuto la malnutrizione, le violenze fisiche e gli abusi sessuali. Ma soprattutto l’assenza di affetto. Accanto all'orfanotrofio c’erano i militari. Un giorno, ero solo nel cortile quando un ufficiale nella sua bella uniforme mi ha rivolto la parola. L’indomani mi ha portato un giocattolo. «Non vorresti diventare il mio papà?», gli ho chiesto. Mi ha risposto che non era possibile.

A 14 anni sono stato mandato in una famiglia di contadini. Dovevo sgobbare e a scuola mi addormentavo. In tre anni ho guadagnato 15 franchi. Poi sono tornato all'istituto e ho ottenuto un diploma di apprendistato come lattoniere. Ma ho dovuto lasciare il lavoro dopo quattro anni a causa di problemi fisici. È stato lo sport a permettermi di andare avanti. A forza di sacrifici, sono diventato maestro di educazione fisica.

Quando ho consultato gli archivi sul mio caso, ho scoperto che mia madre non era partita come mi avevano detto, ma che – abbandonata da mio padre, un vagabondo – non poteva più nutrirci. Aveva chiesto aiuto e invece le autorità ci hanno separati. Ho anche scoperto di avere una sorella di 66 anni nel canton Argovia. L’ho incontrata. Che emozione!. 


(Traduzione dal francese, Stefania Summermatter), swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×