Navigation

Skiplink navigation

Una vita dedicata all'autodeterminazione delle donne

Anne-Marie Rey: «Ero arrabbiata che lo Stato volesse decidere della mia vita». Keystone

Anne-Marie Rey ha combattuto per decenni in favore del diritto all’aborto. Ha ottenuto la sua vittoria il 2 giugno 2002, giorno in cui un’ampia maggioranza del popolo svizzero ha accettato il cosiddetto regime dei termini. La paladina dei diritti delle donne e politica socialista bernese è morta martedì all’età di 78 anni a causa di un’insufficienza cardiaca.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 giugno 2016 - 15:43
swissinfo.ch

Anne-Marie Rey ha studiato alla scuola di traduzione di Ginevra e nel 1973 è stata tra le fondatrici dell’Unione svizzera per la decriminalizzazione dell’aborto.

La sua motivazione ha avuto origine da una vicenda personale: in seguito a una gravidanza indesiderata, Anne-Marie Rey non voleva tenere il bambino. «Ero arrabbiata che lo Stato volesse decidere della mia vita», aveva raccontato. Non si trattava però soltanto di sé stessa. «Per me, sapere quando, se e in quali condizioni una donna può avere un figlio è una questione assolutamente centrale ed esistenziale».

Le donne sono scese spesso nelle piazze in favore dell'autodeterminazione e della decriminalizzazione dell'aborto, come qui a Basilea nel 1974. RDB

Lotta decennale

Anne-Marie Rey, figlia di un ginecologo, ha dovuto incassare diverse sconfitte prima di raggiungere il suo obiettivo. Nel giugno 2002, il cosiddetto regime dei termini è stato accolto dal 72,2% del popolo svizzero. Con l’entrata in vigore delle nuove disposizioni del Codice penale svizzero, quattro mesi dopo la votazione popolare, le donne hanno ottenuto il diritto di abortire legalmente fino alla dodicesima settimana. Una pratica che allora era già diffusa nei cantoni liberali, così come in numerosi paesi europei.

Per Anne-Marie Rey non si è però semplicemente trattato di un adeguamento della legge. «Ora, il diritto all’autodeterminazione delle donne viene riconosciuto dalla legge», aveva commentato alla Radio svizzera di lingua tedesca.

Secondo l’Ufficio federale di statistica, le interruzioni di gravidanza in Svizzera sono state 10'255 nel 2015. Con una quota di 6,5 aborti per 1'000 donne, la Svizzera è il paese europeo con il tasso più basso.

Contenuto esterno

Quello all’aborto dovrebbe essere considerato un diritto umano universale? Esprimete la vostra opinione inserendo un commento qui sotto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo