Bisogna rivedere l'organizzazione dei meeting d'atletica

Per Hansjörg Wirz quella del 2006 sarà l'ultima Weltklasse da patron del meeting Keystone

Hansjörg Wirz, organizzatore della Weltklasse di Zurigo, ritiene che per mantenere attrattivo il meeting atletico occorrerebbe modificare i programmi degli sportivi e disporre di maggiori premi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2006 - 15:15

Venerdì sera il tradizionale appuntamento ha luogo per l'ultima volta nel vecchio stadio del Letzigrund, che sta per essere chiuso per lavori di rinnovamento.

La rosa dei atleti al meeting di quest'anno è di tutto rispetto. Tra i partecipanti sono infatti attesi 5 detentori di primati mondiali, 18 campioni europei, 15 vincitori di medaglie degli ultimi Giochi Olimpici e 14 campioni del mondo in carica, tra i quali gli sprinter Asafa Powell e Jeremy Wariner.

Il responsabile del comitato d'organizzazione, Hansjörg Wirz, è tuttavia preoccupato dalla concomitanza di date delle gare, come per esempio l' appuntamento sportivo in Gran Bretagna previsto per la fine settimana che ha privato gli spettatori di Zurigo di alcuni altri nomi di grande rilievo.

Wirz chiede che gli atleti della Golden League ottengano di più per i loro sforzi, anche se gli atleti ricevono già un compenso dignitoso per la loro partecipazione al meeting.

Ma i più forti devono vincere almeno cinque delle sei competizioni annuali del circuito Golden League per vincere parte del Jackpot.

swissinfo: Cosa si aspetta dall'ultima Weltklasse nel vecchio Letzigrund?

Hansjörg Wirz: Vogliamo che l'ultimo meeting nel vecchio stadio contribuisca a diffondere un'immagine fiera e magica della Weltklasse.

Sono eccitato da questo «ultimo» appuntamento, per il quale organizzeremo anche una speciale celebrazione. Ma tra un anno disporremo di un nuovo impianto che ci offrirà nuove possibilità. Siamo dunque nel contempo sia tristi, sia felici.

swissinfo: Alcuni atleti della Golden League sono impegnati in un altro evento che si svolge in Inghilterra. Come far fronte a questo problema in futuro?

H.W.: Dovremo sicuramente analizzare la situazione per quel che riguarda l'intero calendario europeo. Constatiamo un incremento dei meeting che non sono direttamente collegati con la Golden League. Occorre trovare una soluzione.

swissinfo: Se un atleta non vince tutti gli appuntamenti, i suoi incentivi per partecipare ai meeting della Golden League sono limitati...

H.W.: Il sistema del Jackpot dice che gli atleti devono imporsi 6 volte per ottenere il premio, mentre in altri sport basta vincere in tre occasioni per diventare una stella.

Noi abbiamo inizialmente ritenuto che per essere considerato «il migliore» un atleta dovesse vincere tutti gli appuntamenti della Golden League. Recentemente abbiamo integrato pure quelli che collezionano cinque vittorie, ma penso che presto dovremo compiere un passo ulteriore.

swissinfo: Il meeting di Berlino ha vietato la competizione agli atleti allenati da Trevor Graham, implicato in un caso di doping. Perché non avete fatto la stessa cosa?

H.W.: Per prendere una decisione del genere bisogna avere una visione chiara dei retroscena del caso.

Abbiamo assunto una posizione chiara prima dei giochi olimpici del 2004 annunciando che tutti gli atleti o altre persone implicate attivamente in casi di doping non sarebbero state invitate a Zurigo. Ciò ci dà una base solida per sostenere la nostra strategia.

swissinfo: Quali sono i punti forti degli anni da lei trascorsi alla testa della Weltklasse?

H.W. In termini generali, è meglio che un avvenimento sportivo sia globalmente di alta qualità, piuttosto che si riduca ad alcuni punti forti ed il resto sia mediocre. È per questo che abbiamo tanti spettatori a Zurigo che creano una formidabile atmosfera, apprezzata dagli stessi atleti.

swissinfo: La Weltklasse 2007 potrebbe essere ancora migliore?

H.W.: L'anno prossimo avremo un nuovo stadio, dei nuovi equipaggiamenti e dei moderni strumenti di comunicazione che permetteranno d'integrare ancora meglio gli spettatori. Siamo convinti che stiamo andando nella direzione di quella che sarà l'atletica del futuro.

Intervista swissinfo, Matthew Allen, Zurigo
(traduzione: Marzio Pescia)

Fatti e cifre

Il meeting di Zurigo si è tenuto la prima volta nel 1928.
Il budget per il 2006 è di circa 5,2 milioni di franchi.
Vi sono stati conquistati 23 record del mondo, gli ultimi tre nel 1997.
Asafa Powell (100 m uomini), Jeremy Warner (400 m uomini), Sanya Richards (400 m donne) e Tirunesh Dibaba (5000 m donne) sono ancora in corsa per vincere tutte e sei le competizioni della Golden League 2006.

End of insertion

In breve

Il nuovo stadio del Letzigrund sarà uno spazio polivalente, con una capacità massima di 25'000 spettatori durante le partite di calcio, di 30'000 durante i meeting di atletica e di 50'000 durante i concerti.

Alcune vecchie glorie dell'atletica, come Sebastian Coe, Carl Lewis e Sergey Bubka, parteciperanno alla cerimonia d'apertura.

Hansjörg Wirz è anche presidente dell'Associazione europea d'atletica e desidera rimanere in carica per quattro anni supplementari.

End of insertion

Il sistema del Jackpot

Le sei manifestazioni 2006 della Golden League sono previste a Oslo, Parigi, Roma, Zurigo, Bruxelles e Berlino.

Il sistema del Jackpot prevede che la somma di un milione di dollari sia divisa tra gli atleti che abbiano vinto le sei gare della Golden League nelle loro rispettive discipline.

Dal 2006 la consegna del bottino si svolge in due tempi. Per cominciare un premio di 500'000 dollari sarà diviso tra gli atleti vincitori di cinque dei sei appuntamenti previsti nel corso dell'anno.

Successivamente gli altri 500'000 dollari rimarranno in gioco per coloro che saranno riusciti a vincere una sesta volta durante l'ultima tappa del circuito, in calendario il prossimo 3 settembre a Berlino.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo