Claude Nicollier: una vita per lo spazio

A spasso nello spazio: Claude Nicollier swissinfo.ch

L'astronauta Claude Nicollier sarà il padrino della nuova cattedra dedicata allo spazio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2002 - 16:23

Il popolare astronauta e abile divulgatore dell'attività aerospaziale elvetica è il pioniere delle orbite per l'ESA.

Nicollier è nato il 2 settembre 1944 a Vevey, nel canton Vaud e la sua biografia ha una costante: la passione per il cielo. A 22 anni termina la prima formazione di pilota militare presso l’esercito svizzero. Nella vita civile completa gli studi di astrofisica.

Claude spaziale

La sua carriera inizia nell'aviazione civile. Dal 1974 è pilota di linea e nel 1988 consegue il brevetto per i test di volo dell'industria aeronautica. Ma la sua passione rimane oltre l'atmosfera terrestre: nel 1976 Nicollier ottinene una borsa di studio presso l'Agenzia spaziale europea ESA.

Già due anni dopo il suo ingresso nel mondo della ricerca spaziale è ammesso al primo gruppo di formazione per astronauti europeo. Nel 1980 passa alla base NASA di Houston per dei corsi di specializzazione. Da allora è integrato nei progetti comuni fra Stati Uniti e Europa.

1000 notti nello spazio

Grazie alla sua preparazione è il primo europeo ad aver partecipato a dei voli delle navette spaziali statunitensi. Sia in funzione di assistente scientifico alle spedizioni, sia come pilota dello spazio ha già passato oltre 1000 ore oltre i confini della gravità terrestre.

Dal 1996 è direttore della sezione di robotica del centro NASA di Houston. Nicollier, l'astronauta con i piedi per terra, ha ricevuto numerose onorificenze per la sua attività. In qualità di professore insegna attualmente al Politecnico di Losanna. Con la nuova cattedra il suo campo di studio ottiene maggiore attenzione a livello nazionale.

swissinfo

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo