Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Fastweb, i vertici chiamati alla sbarra

La prima udienza del processo per riciclaggio e frode fiscale che riguarda Fastweb, azienda acquistata nel 2007 dalla svizzera Swisscom, è stata fissata per il 2 novembre 2010.

L’azienda italiana attiva nel settore delle comunicazioni è al centro, assieme alla filiale di Telecom Italia Sparkle, di un procedimento per frode sull’Iva e riciclaggio di denaro. I fatti risalgono al periodo tra il 2003 e il 2007 quando grazie a un complesso sistema di operazioni commerciali fittizie sarebbero stati accumulati circa 2 miliardi di euro. Il danno all’erario italiano ammonterebbe a 356 milioni di euro.

Il 2 novembre dovranno comparire alla sbarra della quarta sezione penale del Tribunale di Roma 33 persone, fra cui anche l’ex presidente di Fastweb Silvio Scaglia e gli ex vertici di Fastweb e di Telecom Italia Sparkle in carica tra il 2003 e il 2007.

I capi d’accusa sono associazione per delinquere transnazionale pluriaggravata finalizzata al riciclaggio all'intestazione fittizia di beni, evasione fiscale, reinvestimento di proventi illeciti e delitti contro la pubblica amministrazione.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×