Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ricerca storica Affari oscuri tra la comunista DDR e la capitalista Svizzera

Riciclaggio di denaro, spionaggio economico, traffico di armi: sembrerebbero gli ingredienti di un thriller, ma si tratta di fatti storici dell'ex Repubblica democratica tedesca (DDR), che hanno consentito di fare buoni affari a società con sede in Svizzera, mentre Berna restava passiva. Le ricerche negli archivi della Stasi – i servizi segreti dell'ex Germania dell'Est – portano ora alla luce quei legami oscuri.

Nuova luce su quegli intrecci è in particolare gettata da Ricardo Tarli, autore del libro "Operationsgebiet Schweiz" (Zona di operazione Svizzera). Lo storico e giornalista elvetico sottolinea anche come le autorità della Confederazione, informate delle operazioni, sono rimaste passive.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG RSI dell'8.11.15)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza