Navigation

Skiplink navigation

La suora svizzera che vuole porre fine al celibato

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2019 - 15:23

Florentina Camartin è una suora in pensione che ha fatto voto di celibato. Quando il giovane prete della sua comunità della Svizzera orientale ha dovuto lasciare il sacerdozio per amore, ha iniziato la sua crociata per la riforma del celibato.

"Quando i preti devono rinunciare al lavoro, le parrocchie restando senza sacerdote. E una parrocchia senza sacerdote è come un gregge senza pastore", dice la religiosa in pensione.

La suora si è detta che è ora di fare qualcosa. Così ha iniziato a raccogliere firme tra persone della sua comunità ecclesiale a favore della liberalizzazione delle regole del celibato nella Chiesa cattolica romana. Migliaia di persone l'hanno sostenuta e lei ha fatto tradurre la petizione in italiano per presentarla al papa.

Ora sta cercando di trovare qualcuno che possa consegnarla direttamente al pontefice. "Voglio che arrivi direttamente nelle sue mani, affinché lui la legga", spiega.

Florentina Camartin è consapevole che non è detto che papa Francesco cambi qualcosa. Ma si dice che così almeno lei avrà fatto tutto il possibile per far rimanere giovani sacerdoti nella Chiesa.

In vista delle elezioni federali di ottobre, l'ente radiotelevisivo SRG SSR presenta la serie di video #GenerazioneGlobale per illustrare le idee di dieci persone che vogliono cambiare il mondo.

End of insertion

Serie generazione globale

​​​​​​​

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo