Google Street View in tribunale

L'Ufficio federale svizzero per la protezione dei dati ha deciso di portare il gigante informatico americano davanti al Tribunale amministrativo federale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2009 - 11:48

Mister dati Hanspeter Thür rimprovera al servizio «Street Wiew» di Google di aver respinto la maggior parte delle misure proposte per migliorare la protezione della sfera privata.

«Numerosi volti e targhe di autoveicoli non sono stati sufficientemente mascherati», scrive il preposto federale alla protezione dei dati in una nota diffusa venerdì. Google ha messo online la sua offerta per la Svizzera a metà agosto del 2009.

Thür ritiene inoltre che la fotocamera utilizzata dai veicoli di Google sia stata piazzata troppo in alto. Ciò ha permesso di superare recinzioni, siepi e muri e di ledere la privacy. Inoltre, il mascheramento dei volti non è sufficiente nei quartieri periferici, se si considera la possibilità di ingrandire le immagini.

Mister dati aveva emanato l'11 settembre una direttiva nella quale invitava «Google a tenere maggiormente conto della protezione dei dati personali». Un mese più tardi, il 14 ottobre, Google ha però respinto la maggior parte dei punti della raccomandazione. Hanspeter Thür rimprovera anche all'azienda di aver fornito informazioni preliminari incomplete.

Il gigante informatico ha espresso, in un comunicato diramato venerdì, la sua delusione per la decisione di portare il «caso Street View» in tribunale. L'azienda ritiene che il servizio online proposto è perfettamente legale e ha fatto sapere che si batterà contro questa procedura.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo