I cattolici lucernesi contro l'obbligo del celibato

I vescovi svizzeri saranno ancora una volta confrontati alla problematica del celibato dei preti Keystone

Con una dichiarazione del loro sinodo, i cattolici di Lucerna chiedono l'abolizione dell'obbligo del celibato per i preti e l'apertura del ministero sacerdotale anche alle donne.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2003 - 22:03

Il testo verrà ora sottoposto all'esame della Conferenza dei vescovi svizzeri.

Il sinodo, ovvero il parlamento della Chiesa lucernese ha approvato mercoledì il testo con 73 voti contro 8 e 9 astensioni.

La dichiarazione, presentata anche alla stampa, sarà ora trasmessa alla Conferenza episcopale svizzera per il tramite del vescovo Kurt Koch.

Posizione rigida

Nello scritto, il sinodo afferma che diverse leggi e prescrizioni per molti cattolici in Svizzera non sono ormai più comprensibili e che la posizione rigida del Vaticano danneggia l'immagine della Chiesa.

A suo avviso, l'obbligo del celibato va soppresso e i preti esonerati in seguito a una violazione di tale obbligo devono essere riabilitati.

«Non si tratta di abolire il celibato», ha puntualizzato Paula Beck, portavoce della commissione che ha messo a punto la dichiarazione, «ma piuttosto di valorizzarlo, perché diventerebbe più credibile se fosse scelto volontariamente e non fosse imposto come un obbligo».

Una relazione liberamente vissuta è un grande arricchimento nella vita di un prete e gli è di grande aiuto, sostiene la Beck.

«Ci sono anche preti che hanno delle relazioni proibite e la gente lo sa», ha dichiarato a swissinfo Ciryl Berther, un ex sacerdote, «ma tutti fanno finta di niente».

Il sacerdozio per le donne

Per quanto riguarda l'ordinazione delle donne, la portavoce parla di discriminazione sessuale. E nella dichiarazione si sottolinea che nessuna legge divina la proibisce.

L'esperienza mostra - sostiene il sinodo lucernese - che come assistenti pastorali le donne possono esplicare la loro funzione di cura della anime altrettanto bene degli uomini.

L'ordinazione femminile sarebbe a suo avviso un arricchimento per la Chiesa.

Pressione popolare

Durante le discussioni nel sinodo, non si è manifestata nessuna opposizione di principio. Sono però stati espressi timori che con una tale dichiarazione si sarebbe ottenuto esattamente il contrario, con un irrigidimento delle posizioni.

Ma la maggioranza dei delegati ha mostrato più coraggio, adottando il testo proposto dalla commissione, adducendo che certi risultati si ottengono soltanto con la pressione popolare.

swissinfo

Fatti e cifre

Secondo il censimento 2000, i cattolici romani costituiscono il 44,1% della popolazione;
i protestanti il 36,6 %
i musulmani il 4.5%
le altre religioni il 3,1%
l'11,7% della popolazione si dice senza confessione.

End of insertion

In breve

Il sinodo (parlamento) della Chiesa cattolica di Lucerna ha adottato una dichiarazione in cui chiede l'abolizione dell'obbligo del celibato per i preti.

Nel testo viene pure chiesto l'accesso al sacerdozio per le donne.

La dichiarazione verrà ora trasmessa alla Conferenza dei vescovi svizzeri.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo