Il ciclo alimentare della vita raccontato allo Zoo di Basilea

Uno dei primi visitatori del nuovo parco tematico dello zoo renano Keystone

Da questo week end sarà aperta al pubblico la nuova «Etoscha-Haus», una «casa» che, per raccontare il ciclo alimentare della vita, riunisce sotto lo stesso tetto piante, animali grandi e piccoli, carnivori ed erbivori, predatori e prede.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2001 - 18:05

L'amministratore dello zoo basilese, Andreas Heldstab, ha spiegato che si tratta del primo «parco» tematico. Questa estate dovrebbero essere aperti altri recinti esterni per ghepardi e cani selvatici, nonchè un'isola delle scimmie. In una seconda fase, anch'essa del costo di 9 milioni di franchi e che dovrebbe essere conclusa nel 2003, verranno costruite nuove «riserve» per leoni, coccodrilli ed altro.

La sezione «Etoscha», dal nome di una riserva naturale arida della Namibia, non dovrebbe «insegnare» al visitatore ma piuttosto appassionarlo al «pasto e al mangiatore» e alle varie concatenazioni ecologiche del sistema. Il tutto è visitabile anche via Internet sul sito «www.etoscha.ch»

In un ambiente tipicamente africano saranno riunti una grande varietà di piante ed animali: cactacee, sciami di fameliche cavallette, topi, serpenti, manguste carnivore assieme ad altri animali erbivori che la notte trovano rifugio negli stessi luoghi. Alla fine del ciclo alimentare ci sono poi lumachine, funghi e insetti che «riciclano» i resti di animali e piante.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo