Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il presidente di ABB Jürgen Dormann si ritira

Nel maggio del 2007, Jürgen Dormann non si ripresenterà per essere rieletto

(Keystone)

Jürgen Dormann lascia la carica di presidente del gruppo tecnologico ABB. Durante l'assemblea generale in programma il prossimo mese di maggio non si ripresenterà all'elezione del cda, ha comunicato la multinazionale lunedì.

Il manager tedesco ha svolto un ruolo di primo piano nel risanamento del gruppo elvetico-svedese.

Jürgen Dormann, presidente del consiglio d'amministrazione del gruppo elvetico-svedese ABB, lascerà le sue funzioni in occasione dell'assemblea generale del gruppo in programma il 3 maggio prossimo. Dormann ha infatti deciso di non ripresentarsi per l'elezione del cda.

È quanto ha comunicato lunedì la multinazionale, precisando che sono già iniziate le ricerche per trovare un successore.

"Un contributo storico"

"Jürgen Dormann ha fornito un contributo storico per lo sviluppo sul lungo termine della ABB", ha dichiarato Fred Kindle, attuale amministratore delegato del gruppo. Secondo Kindle, "il coraggio dimostrato da Dormann nel prendersi le sue responsabilità in momenti difficili per la compagnia e la sua eccezionale leadership sono stati essenziali per invertire con successo la tendenza".

All'inizio di questo secolo, la multinazionale stava infatti attraversando una profonda crisi. A un certo momento si era addirittura temuto il fallimento.

Dormann, 66 anni, era entrato a far parte della direzione della ABB nel maggio del 1998 e nel 2002 era diventato presidente del consiglio d'amministrazione. Tra il mese di settembre del 2002 e il mese di dicembre del 2004, il tedesco aveva occupato la doppia funzione di presidente del consiglio d'amministrazione e di "chief executive officer" (CEO).

Un prezzo da pagare pesante

Con Dormann al timone, ABB ha potuto ritrovare una solida salute finanziaria. Nelle cifre rosse per quattro esercizi consecutivi e una perdita accumulata di 2,36 miliardi di dollari (2,83 miliardi di franchi) tra il 2001 e il 2004, nel 2005 la multinazionale ha registrato un utile di 735 milioni di dollari.

Il prezzo da pagare per ritornare nelle cifre nere è però stato pesante: il numero di dipendenti è infatti passato da circa 161'000 nel 2000 a un po' più di 100'000 attualmente.

Per sopravvivere, il gruppo elvetico-svedese ha in particolare dovuto cedere il suo polo finanziario e si è dovute ricentrare su due delle sue attività chiave, l'elettricità e l'automazione.

swissinfo e agenzie

In breve

ABB – sigla di Asea Brown Boveri – è nata nel 1988 dalla fusione della svedese Asea (fondata nel 1883) e della svizzera BBC Brown Boveri (fondata nel 1891).

La compagnia ha rischiato il collasso nel 2002 a causa della montagna di debiti accumulati in seguito a un'espansione troppo rapida e ai costi legati alle denunce negli Stati Uniti sporte della vittime dell'amianto.

La multinazionale è uno dei leader mondiali nei settori delle tecnologie energetiche e dell'automazione.

Impiega circa 107'000 persone in 100 paesi. Nel 2005 ha registrato un utile netto di 735 milioni di dollari e una cifra d'affari di 22,4 miliardi di dollari.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza